Stelle cadenti, ecco la rivoluzione delle Olimpiadi di Tokyo

In Giappone si lavora già per le Olimpiadi del 2020 e vengono progettate le stelle cadenti artificiali per la cerimonia di apertura

Un'idea innovativa quella avuta dai giapponesi per l'inaugurazione dei Giochi Olimpici del 2020. Non si parla più infatti di fuochi d'artificio ma di vere e proprie stelle cadenti.

Secondo quanto riportato da Dagospia l'idea arriva dall'azienda giapponese ALE, impegnata nella ricerca spaziale, che ha lanciato il progetto Sky Canvas. Durante la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo dovrebbero essere liberate dalle 500 alle 1000 stelle cadenti artificiali che costano circa 8.100 dollari l'una (7.200 euro).

Se dovesse piovere lo spettacolo sarebbe perciò rimandato. Le stelle dovrebbero essere visibili nel raggio di 200 km e il colore rilasciato in atmosfera varia dal viola all'arancione e dal verde al rame. Nonostante l'inquinamento della città di Tokyo le stelle si vedranno quindi quasi certamente.

La ALE si propone come obiettivo quello di studiare come i satelliti che hanno concluso la propria missione possano essere bruciati in atmosfera in modo sicuro.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

il_viaggiatore

Gio, 24/11/2016 - 17:50

A Tokyo si respira molto meglio che a Milano, Roma, Napoli, Firenze, Bari o Palermo. Fatevelo un viaggio, di questi tempi il biglietto costa pure poco.