Terrorismo internazionale 6 anni all'imam di Perugia

El Korchi, ex imam della moschea di Ponte Felcino, condannato a 6 anni. Quattro anni e tre anni e sei mesi ad altri due marocchini. Riconosciuti colpevoli di reclutamento e addestramento di militanti jihadisti: inviavano combattenti in Iraq e a Kabul

Terrorismo internazionale 
6 anni all'imam di Perugia

Perugia - È stato condannato a sei anni per terrorismo internazionale Mostapha El Korchi, 43 anni, marocchino, ex imam della moschea di Ponte Felcino, frazione alle porte di Perugia. A quattro anni invece Mohamed El Jari, 49 anni, e a tre anni e sei mesi Driss Safika, 48 anni, suoi connazionali. La corte d’assise di Perugia ha emesso la sentenza dopo quasi due ore di camera di consiglio. I tre imputati, che si sono sempre proclamati innocenti, hanno assistito alla lettura del provvedimento.

Le richieste del pm I giudici hanno accolto parzialmente le richieste del pm Sergio Sottani (che aveva chiesto rispettivamente 9, 5 e 6 anni), riconoscendo per i tre una associazione finalizzata al reclutamento e all’addestramento di militanti jihadisti, disposti a commettere atti di terrorismo, nonché a gestire il supporto logistico ad aspiranti combattenti intenzionati a combattere in Iraq o Afghanistan. Nei due anni di indagine, culminati con gli arresti del luglio 2007, la Digos perugina ha raccolto materiale scaricato da siti internet riferibili all’estremismo islamico, ma anche bottigliette di sostanze sequestrate a Korchi, come il potassio nitrato e l’ammonio nitrato che, secondo gli inquirenti, potevano essere usati per preparare ordigni.

La moschea Per gli investigatori, la moschea di Ponte Felcino era diventata la base dell’associazione "Lega degli immigrati arabi e musulmani". Nella sua requisitoria, il pm ha rimarcato come il processo ha accertato "la frequentazione della moschea in orari estranei alle cerimonie di culto, nonché lo svolgimento di una attività caratterizzata non solo alla adesione jihadista radicale, ma anche da una laboriosa e approfondita opera di istruzione e addestramento all’uso delle armi e delle tecniche di combattimento proprie di azioni terroristiche". Per il pm Sottani, dunque, c’erano tutti i presupposti per una condanna ai sensi dell’articolo 270 quinquies che punisce tanto l’addestramento che il "fornire istruzioni" al fine di terrorismo.

Korchi era accusato anche del reato di ricettazione. Le difese hanno respinto le accuse affermando che i tre non avrebbero fatto altro che consultare siti internet, non mettendo in atto nessun addestramento a fini terroristici.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica