Tettamanzi ai media: «Siate meno superficiali»

Come si comunica «la Chiesa» nei mass media? Che cosa fa notizia oggi della Chiesa? È un partito, una lobby di potere, una realtà inafferrabile? Sono i media che non la capiscono o è la Chiesa che non riesce a far passare il «cuore» del suo messaggio? Si è cercato di rispondere a queste domande ieri mattina a Milano, al Circolo della Stampa, in occasione dell’annuale incontro del cardinale Dionigi Tettamanzi con i giornalisti per la festa del loro patrono, San Francesco di Sales. Con l’arcivescovo sono intervenuti la sociologa Chiara Giaccardi e tre direttori di quotidiani: Ezio Mauro (La Repubblica), Ferruccio De Bortoli (Il Corriere) e Marco Tarquinio (Avvenire).
La professoressa Giaccardi ha proposto un nuovo «patto comunicativo», chiedendo ai media di accettare la Chiesa per ciò che essa è realmente. Il direttore di Repubblica ha giustificato l’ampio spazio concesso dai giornali italiani alla Chiesa a motivo della tradizione del nostro Paese ma ha paventato il rischio che essa finisca talvolta per apparire come una lobby di pressione, intenzionata a condizionare il libero dibattito, ad esempio sulla bioetica. «Vedo il rischio – ha detto il giornalista – di trasformare la fede cristiana in galateo morale e di trasformare la legge morale e la precettistica della Chiesa in norma per tutti».
De Bortoli ha detto che oggi la Chiesa è chiamata a una «supplenza di identità a causa della mancanza di valori, anche civili», e ha fatto però notare come sia «venuta meno la rappresentazione della Chiesa nella sua quotidianità, nel suo straordinario vissuto nell’assistenza e nel volontariato». E ha auspicato una maggiore attenzione dei media alla dignità delle persone.(...)
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.