Usa Fed, Bernanke più vicino al mandato bis con l’ok dei repubblicani

ENTI La presidenza del board finirebbe ad Antonio Finotti, numero uno della Cassa Rovigo

Ben Bernanke non appare più in bilico. Attorno al presidente della Federal Reserve sembra si siano coagulati sufficienti consensi per permettergli di strappare i 60 voti necessari per ottenere un secondo mandato. Di ciò è convinto Barack Obama, che ha sondato il terreno con diversi senatori per cercare di capire le posizioni dei due schieramenti. «L’indicazione che il presidente ha avuto dalle sue conversazioni è che Bernanke sarà confermato - ha detto il consigliere della Casa Bianca, David Axelrod -; siamo ancora in una situazione fragile e abbiamo bisogno della sua leadership. Ha avuto una mano molto ferma nella crisi». Parole poi confermate dal leader dei repubblicani del Senato, Mitch McConnell: «Bernanke sarà riconfermato con l’appoggio di democratici e repubblicani», ha annunciato alla «Nbc», senza tuttavia precisare se voterà a favore del numero uno della Banca centrale Usa. Già sabato scorso due senatori, il democratico Chris Dodd e il repubblicano Judd Gregg, si erano detti certi della riconferma e la loro dichiarazione sembrava aver fermato l’emorragia di consensi in vista del voto. Fino a 24 ore prima, la questione della conferma di Bernanke era invece decisamente più delicata.
L’ala dura dei democratici aveva infatti manifestato aperto dissenso nei suoi confronti. Ancora forte era d’altra parte l’irritazione dopo la sconfitta elettorale bruciante in Massachusetts, da sempre un feudo democratico. Una débâcle generata anche dalla politica economica e monetaria.
A Bernanke veniva imputato di aver permesso a Wall Street le attività «irresponsabili» che hanno portato alla grave crisi finanziaria. Ora la conta dei voti sembra favorire Bernanke. Una sua riconferma sarebbe un segno di stabilità di cui anche Obama, dopo l’attacco frontale alle banche, ha davvero bisogno.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.