Fa guidare l'auto al figlio di 6 anni, scoppia la polemica

In Russia una donna ha fatto guidare la propria auto in autostrada al figlio di 6 anni e lo ha filmato; dopo che la donna ha messo il video sui social, innescando una polemica, la polizia ha avviato un'indagine

Una madre per il proprio figlio farebbe qualsiasi cosa e cercherebbe di aducarlo nel migliore dei modi; ma non sempre all'atto pratico avviene questo. A tal proposito, lascia di stucco la notizia che mette in risalto il comportamento avuto da una giovane madre russa che, di recente, ha pensato di far guidare l'auto in autostrada, a una velocità di circa 129 km, al figlio di appena sei anni e ha filmato il tutto condividendolo poi sui social network. La donna, Agina Altynbayeva di 29 anni, ha messo il figlio al volante della sua Hyundai Solaris su un'autostrada deserta nella repubblica autonoma del Tatarstan, che fa parte della Federazione russa.

Come si vede dal filmato, il bimbo è al volante mentre si vede la velocità sul quadrante toccare le 130 miglia, ovvero i 209 km. In buona sostanza sono state infrante due regole, ovvero l'età minima per avere la patente e il limite di velocità; infatti, in Russia la patente è concessa una volta raggiunti i 18 anni e il limite su quel tratto di strada è di 193 km/h. Dopo aver postato il video in rete, la donna ha reagito duramente contro chi le ha rivolto critiche; in uno dei suoi commenti si può leggere: "Vivo come voglio. Non mi pento di nulla, sono calma su tutto. Non ho bisogno dei vostri commenti. Non hai provato a vivere la mia vita. Non avete il diritto di giudicarmi. Sono orgogliosa che i miei figli possano facilmente guidare una macchina".

La donna ha detto di aver permesso ai suoi figli di guidare l'auto come compensazione per l'assenza del padre; inoltre, per lo stesso motivo sta insegnando loro anche a sparare. Nell'attacco contro le critiche, Agina ha aggiunto che adora ogni minuto della vita trascorsa con i suoi ragazzi (il figlio più grande ha 9 anni, mentre il piccolo appena nove mesi) e che le piace tanto essere una madre.

Ora, però, secondo quanto riferito dal ministero degli interni del Tatarstan, la polizia e le autorità che si occupano di assistenza all'infanzia hanno avviato un'indagine preliminare. In passato, la donna era stata già sotto i riflettori e anche criticata per un altro video che ritraeva lei alla guida con un bimbo in grembo. Dunque, una storia che deve far riflettere per il gesto di una madre che mette in pericolo l'incolumità di un bimbo che, ignaro, prende tutto come un gioco senza rendersi conto dei rischi che si corrono.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.