West Ham esonera Zola "Era troppo permissivo"

Giocatori e pubblico erano con lui. Il tecnico italiano ha pagato l'antipatia, nei suoi confronti, dei nuovi proprietari del club che lo accusavano di essere troppo permissivo con la squadra, che si è salvata all'ultima giornata

Londra - E' finita. Sono bastati pochi minuti per sancire il divorzio, peraltro già nell'aria da settimane, tra il  West Ham e Gianfranco Zola. L’ufficialità è arrivata dopo un faccia a faccia tra il tecnico italiano e i proprietari del club, David Gold e David Sullivan. Un vertice dall’esito scontato, visto che troppo lontane erano le posizioni delle parti.

Problemi caratteriali Lo si era capito già lo scorso gennaio quando i due "David" avevano acquistato il 50% del West Ham. Pur rinnovando la fiducia al tecnico italiano, non avevano mancato di esprimere (anche pubblicamente) più di un dubbio sul suo carattere, ritenuto troppo permissivo e disponibile coi giocatori. A fine marzo, dopo un’orribile striscia di sei sconfitte consecutive, il destino del tecnico sembrava segnato. Ma di fronte al rifiuto di Mark Hughes il West Ham non ha trovato alternative. A salvezza acquisita, però, le divergenze sono riesplose, mettendo in evidenza come il club avesse già deciso per il cambio, a prescindere dall’esito finale del campionato. Nelle ultime settimane Zola non ha mai voluto fare commenti sul suo futuro nonostante il contratto in scadenza nel 2013, rimandando ogni decisione al termine della stagione.

Giocatori tutti con lui Domenica, al termine dell’ultima giornata di Premier League contro il Manchester City, aveva ammesso la sua crescente frustrazione per i rapporti sempre più controversi con i proprietari. Non certo con i giocatori, tutti unanimemente dalla sua parte, né col pubblico di Upton Park che non gli ha mai fatto mancare il suo sostegno, neppure nei momenti più deludenti.

Stagione difficile "È stata senza dubbio la stagione più difficile della mia carriera ma ho anche imparato molto. Cerco sempre di trovare gli aspetti positivi anche nelle situazioni negative. L’ho fatto soprattutto quest’anno", ha dichiarato Zola settimana scorsa. Ancora troppo presto per scoprire cosa c’è nel suo futuro, così come prevedere il nome del suo successore. Avram Grant, manager del Portsmouth, è il favorito dai bookmakers, seguito da Slaven Bilic, attuale ct Croazia, e ancora Mark Hughes, licenziato in dicembre dal City.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.