Rissa tra stranieri per una donna: panico tra i passanti
Nigeriano attacca passanti con bottiglia: alle sue spalle numerosi reati ed espulsione. Finisce al Cie
Magrebino pesta la moglie che dà da mangiare maiale al figlio
Ragazzi aggrediti da un migrante. Donna li aiuta e un passante le dà della fascista
Il flop delle sardine a Chieti
Coronavirus, D’Amato: “Negativi al virus paziente cinese e italiano della Cecchignola”

Prato, i soccorritori: "Le persone intrappolate urlavano"

Leonardo Tuci è stato il primo ad arrivare sul luogo dell'incendio scoppiato in una fabbrica di confezioni gestita da cittadini cinesi - a cura di Ansa

Commenti

marcello. marilli

Dom, 01/12/2013 - 17:53

bisogna che le autorità facciano controlli a tappeto nelle strutture produttive affittate da cinesi. ne ho visitate alcune ed è una cosa vergognosa vedere cosa e come vivono le persone in quei luoghi che somigliano a dei lagher. in passato qualcosa è stato fatto in termini di accertamenti con blitz delle forze dell'ordine ecc, ma se ben ricordo il console cinese di allora levò una minaccia precisa che se fossero continuati i blitz se nesarebbero andati da Prato con tutte le conseguenze del caso : capannoni dismessi, quindi vuoti con buona pace dei proprietari pratesi degli immobili che avrebbero così perduto affitti ecc ecc. Penso sia criminale sottostare a simili ricatti, e mi meraviglio che questi funzionari abbiano in così poca cura il benessere dei loro concittadini. la ns cultura è troppo diversa dalla loro !!!

Calendario eventi