Gli scout americani offrono preservativi a minori

All’evento parteciperanno tanti minori che fanno parte dei gruppi scout italiani Agesci e Cngei

Gli scout americani offrono preservativi a minori

I Boy Scout of America (Bsa) lanciano una nuova sfida alla Chiesa Cattolica sul terreno dei suoi insegnamenti morali, più volte ribaditi da Papa Francesco. Distribuiranno preservativi a tutti i partecipanti al World Scout Jamboree per esigenze legate alle “norme sanitarie internazionali".

Il massiccio raduno internazionale di scouts si terrà la prossima estate, dal 22 luglio al 2 agosto 2019. In quei giorni in West Virginia saranno presenti circa 50 mila giovani, provenienti da 150 paesi di tutto il mondo, Italia compresa. Le fasce d’età ammesse saranno quelle relative ai nati tra il 22 luglio 2001 e il 21 luglio 2005. I preservativi saranno resi disponibili attraverso le strutture mediche che verranno allestite in tutti i campi che ospiteranno i giovani partecipanti.

Oltre a rendere disponibili i condom, gli organizzatori dell’evento, cioè i componenti del World Organization of the Scout Movement (Wosm), stanno operando, attraverso la raccolta delle iscrizioni, una selezione affinché le ragazze partecipanti rappresentino la metà circa dei partecipanti. Si farà in modo che i giovani abbiano opportunità di tempo libero sufficiente per incontrarsi e “mescolarsi” più velocemente di quanto potrebbero fare attraverso i social media, fornendo loro spazi per momenti di incontri informali.
La notizia ha scatenato negli Usa prese di posizione forti da parte dei pro life, dei difensori della famiglia e dell’integrità dei ragazzini.

La presidente dell'American College of Pediatricians, la dott.ssa Michelle Cretella, a LifeSiteNews ha detto che fornire preservativi ai partecipanti al World Scout Jamboree è un invito ai giovani a prendere parte all'attività sessuale tra minori. Cathy Ruse, direttrice dell’Human Dignity del Family Research Council ha invitato i genitori a svegliarsi. Gli adulti “non possono più fidarsi della Bsa e del Wosm”.

L’invito riguarda anche l’Italia. Infatti dalla nostra penisola partiranno qualche migliaio di minorenni appartenenti ai gruppi scouts Agesci e Cngei. Dal vademecum del contingente Agesci per il 24° World Scout Jamboree apprendiamo che l’evento è organizzato per la prima volta da tre Paesi insieme, Canada, Messico e Stati Uniti e si terrà in una grande tenuta di 40 kmq costruita dai Bsa chiamata Bechtel Reserve.
Il motto dell’evento è "Unlock a new world" (letteralmente: libera un mondo nuovo) e il Jamboree americano offrirà l’opportunità per cercare e trovare insieme possibili soluzioni per i tanti problemi che "bloccano" il mondo di oggi. Saranno allestite aree e momenti specifici dedicati alle proposte che più sposano il senso originario del Jamboree: la conoscenza reciproca che consente la costruzione di una fratellanza mondiale a partire dalla valorizzazione delle differenze, occasioni specificamente orientate alla mondialità volte a riflettere su come lo scautismo possa intervenire sui problemi del pianeta, sulla sostenibilità, sulla conoscenza reciproca e sullo scambio culturale. Anche al ritorno in Italia, dopo l’evento, verranno offerte delle modalità di restituzione dell’esperienza, per rileggerla e raccontarla. In molti adesso si augurano che tra le esperienze da condividere non ci siano le “prodezze” sessuali dei minorenni e le gravidanze indesiderate!

Intanto negli Stati Uniti sia la Bsa che il gruppo delle Girl Scouts, negli ultimi anni hanno subito una forte riduzione del numero dei loro componenti. L’abbandono delle precedenti tradizioni morali, e l’adesione all’ideologia gender (con il permesso d’ingresso ai ragazzi apertamente omosessuali a partire dal 2013, il via libera a leader apertamente gay dal 2015 e la possibilità, dal 2017, di far diventare membri ragazzi che si identificano come ragazze) ha spinto un certo numero di organizzazioni religiose a separarsi da questi due gruppi, tanto che diverse diocesi e parrocchie hanno spezzato i legami con queste associazioni gruppi scout, creando programmi e movimenti scout alternativi, fondati sulla morale tradizionale cristiana. Questi gruppi hanno guadagnato rapidamente popolarità negli Stati Uniti. I più noti sono: Little Flowers Girls Clubs, American Heritage Girls, Federation of North American Explorers, Columbian Squires, Trail Life USA e Troops of St. George.