In aeroporto lo scanner "denuda" i passeggeri

A Manchester è entrato in funzione un nuovo apparecchio che analizza chi parte per individuare armi o oggetti impropri: ma nell'immagine la persona è "nuda". Ed è polemica

In aeroporto lo scanner 
"denuda" i passeggeri

Manchester - Meno code e scomode trafile, oggi, al varco sicurezza del Terminal 2 dell’aeroporto di Manchester. È infatti entrato in funzione un nuovo tipo di ’scanner’ che individua in un battibaleno se le persone controllate nascondono sotto i vestiti armi oppure oggetti impropri. L’apparecchio è talmente sensibile che non serve nemmeno togliersi la giacca o la cintura. In cambio, però, produce immagini in bianco e nero che "svestono" i passeggeri. Nudi, insomma. Fin nei più intimi dettagli. «Questo scanner - dice Sarah Barrett, capo delle relazioni con il pubblico presso l’aeroporto - rimuove completamente la necessità di svestirsi ai varchi sicurezza». In più, nota Barrett, molti passeggeri non amavano per nulla essere perquisiti dagli addetti. «Le immagini - ha proseguito - non sono erotiche o pornografiche e non possono essere salvate in alcuna maniera». Gli operatori le distruggeranno non appena visionate. E chi vuole può rifiutarsi di passare sotto le macchine.

Il ministero dei Trasporti ora avrà un anno di tempo per decidere se installare gli scanner, che costano 80mila sterline l’uno, in modo permanente. «I passeggeri - ha concluso Barrett - possono passare sotto questi macchinari fino a 5mila volte l’anno senza preoccuparsi: la quantità di radiazioni emessa è minima». Restano però alcuni dubbi per quanto riguarda la privacy dei viaggiatori. Gli scanner, infatti, producono immagini dettagliate dei genitali, rivelano la presenza di piercing e di protesi al seno.

Commenti