Al galoppo

Max Allegri è felice (grazie all'ippica): la sua Estrosa vince a Capannelle

Non è un buon momento per Max Allegri con la sua Juventus. Il tecnico livornese però si risolleva il morale grazie ai cavalli. Del famoso "corto muso" non c'è bisogno perché Estrosa vince in pieno controllo a Capannelle. In sella il più forte di tutti, Cristian Demuro

Estrosa e Christian Demuro (fonte: pagina FB Ippodromo Capannelle)
Estrosa e Christian Demuro (fonte: pagina FB Ippodromo Capannelle)

Ascolta ora: "Max Allegri è felice (grazie all'ippica): la sua Estrosa vince a Capannelle"

Max Allegri è felice (grazie all'ippica): la sua Estrosa vince a Capannelle

00:00 / 00:00
100 %

Nella domenica che sancisce il definitivo sorpasso del Milan ai danni della Juventus per il posto d’onore della Serie A 2023-2024, Max Allegri che non riesce a fare bottino pieno contro un coriaceo Genoa riceve una bella soddisfazione dall’ippodromo delle Capanelle di Roma. Estrosa, cavalla di quattro anni di sua proprietà, che ben si è comportata lo scorso anno, è partita con il piede giusto vincendo nel Premio Sansoni. In sella Cristian Demuro che istituisce “la regola del Tre a Roma”, una certezza assoluta. Due uscite sull'anello capitolino, tre vittorie per volta.

Cristiana Brivio, che con Endo Botti allena Estrosa, dopo il successo è visibilmente soddisfatta: "Forse Estrosa così forte non è mai andata. Anche in allenamento quest’anno ha fatto davvero delle ottime prestazioni, confermando la sensazione che avesse solo bisogno di tempo per maturare, mentre invece l’anno scorso abbiamo fatto troppe corse. Quest’anno le abbiamo lasciato tempo per lavorare e si vede, fisicamente ormai è una cavalla completa. Per quanto riguarda i programmi futuri, adesso ne parleremo con Max Allegri, però credo che quest’anno ci si possa divertire con lei".

Il duello a distanza con il giovane frustino d’oro Dario Di tocco finisce 3 a 1 per il fuoriclasse vincitore dell’Arc 2023. Il fantino pisano però vince nelle corse importanti, poiché il Premio Circo Massimo se lo aggiudica Flag’s up con Mario Sanna mentre il Premio Natale di Roma lo centra My eternal love (Di Tocco) che dopo il successo nel Premio Ribero fa sua anche la LR, il cavallo allenato da Endo Botti di proprietà di Mario Sansoni dopo questa bella vittoria si candida a miler numero 1 per la stagione in corso.

Nel Premio Brigadier Gerard, dedicato al cavallo leggendario degli anni '70 che fece piangere tutta l’Inghilterra quando perse la sua imbattibilità arrivando secondo nel GR1 “Benson&Hedges Gold Cup”*, in bella evidenza Chicotay allenato da Stefano Botti e di proprietà di Marco Bozzi ma ancor di più Dark defence, allenato da Pierantonio Convertino e di proprietà di Elisabetta Marcialis della serie “quando arrivare secondo è meglio che arrivare primo”.

Domenica a San Rossore, Red Bourbon fa poker e regala a Fabrizio Ferramosca la quarta vittoria consecutiva. Red Borbuon vince alla quota di 16 contro 1. Sugli scudi anche The Tweed, Cime tempestose che prenota la Corsa dell'Arno del prossimo 25 aprile a Firenze e Maleducata che vincono le rispettive corse in maniere decisamente autorevole.

Ulteriore raggio di sole per Max Allegri anche a Pisa, dove il suo pupillo Momento giusto centra la terza moneta nel Premio Camici Handicap principale B corsa per velocisti sulla distanza dei 1.

200 metri, un bel risultato per la Scuderia Alma Racing che consolida la sua ascesa nel panorama del galoppo italiano e francese.

* A batterlo fu Roberto che fece anche il record della corsa. Brigadier Gerard chiuderà la carriera con un 17 su 18 e 10 GR1 in cassaforte.

Commenti