Auguri Sofia Loren: un mito da 75 anni

Il compleanno di una stella, oggi l'icona del cinema italiano nel mondo spegne 75 candeline. Ha girato 88 pellicole

Auguri Sofia Loren: 
un mito da 75 anni

Roma - Ciak, si gira il compleanno di "una stella". Il mondo del cinema festeggia Sophia Loren, l’attrice considerata da tutti un’icona del cinema italiano nel mondo, simbolo di bellezza ed eleganza senza tempo che oggi come ieri ha un posto di diritto nel firmamento cinematografico internazionale. Sophia Loren, nome d’arte di Sophia Scicolone, nata a Roma il 20 settembre 1934, ha mietuto onori e riconoscimenti per la sua bravura, ha vinto un Oscar come migliore attrice per "La Ciociara" nel 1962, e un Oscar alla Carriera nel 1991 insieme a Myrna Loy, ed è stata anche insignita di un cavalierato di gran Croce nel ’96 per iniziativa del presidente della Repubblica Scalfaro.

Sophia da guinness È la "regina" delle attrici italiane ed è entrata di diritto nel Guinness dei primati come la più premiata. Ora, 75 candeline da spegnere, "una giornata particolare" da ricordare anche per la ricchissima carriera dell’attrice. Figlia dell’ingegnere Riccardo Scicolone e dell’insegnante di pianoforte Romilda Villani, da Roma si trasferì da bambina a Pozzuoli dove trascorse l’infanzia e parte dell’adolescenza, durante la guerra, in condizioni economiche precarie. A 15 anni tornò nella Capitale in cerca di successo. Assieme alla madre, che nel 1932 aveva vinto un concorso come sosia di Greta Garbo, debuttò come generica nel film kolossal Quo Vadis?.

Nel 1950 a Miss Italia Partecipò a vari concorsi di bellezza, fra cui Miss Italia del 1950, che la premiò come Miss Eleganza grazie ad un titolo creato appositamente per lei. La prima esperienza cinematografica con il cognome Loren risale al 1951, fu "Luci del Varietà" di Federico Fellini e Alberto Lattuada. Prima di allora aveva preso parte ad altri film con il nome di Sofia Lazzaro; in altri recitava con il suo nome vero Sofia Scicolone. Fino ad oggi sono 88 le pellicole da lei interpretate.

Commenti

Grazie per il tuo commento