Automotive

Quella Fiat 128 di Tom Hanks usata anche da Enzo Ferrari

In "The Post", il film capolavoro del 2017 diretto da Steven Spielberg, l'attore guida l'auto italiana progettata da Dante Giacosa. E utilizzata da Ferrari per gli spostamenti casa - lavoro

Quella Fiat 128 di Tom Hanks usata anche da Enzo Ferrari

Ascolta ora: "Quella Fiat 128 di Tom Hanks usata anche da Enzo Ferrari "

Quella Fiat 128 di Tom Hanks usata anche da Enzo Ferrari

00:00 / 00:00
100 %

Certo non rubava la scena come i luccicanti Pentagon Papers, quelle settemila pagine stilate dal dipartimento della difesa a stelle e strisce per circostanziare i rapporti intrattenuti dal governo federale con il Vietnam, nella faglia di tempo tra il 1945 e il 1968. Però, anche se non era una pila di fogli top secret, la Fiat 128 guidata da Tom Hanks nel film cult The Post, faceva la sua figura.

Nella acclamata pellicola diretta da Steven Spielberg, con Meryl Streep a fare l'altra parte dei ruggiti, Hanks è un caporedattore alle prese con quella intricata pubblicazione, che avverrà prima sul New York Times, poi sul Washington Post. Il cast è scintillante, la trama viaggia sulle cadenze incalzanti del thriller, ma lei - carrozzeria verde lucido e forme sobrie - si ritaglia comunque più di un'istante di celebrità, con quel portamento placido e rassicurante allo stesso tempo.

Dopo le riprese Hanks - che si sposta con la Fiat 128 in ogni sequenza in auto - aveva deciso di acquistarla per aggiungerla alla sua collezione, ma successivamente si è persuaso a metterla all'asta per devolvere il ricavato in beneficenza. La Fiat aveva iniziato a produrla nel 1969, su disegno del leggendario Dante Giacosa, nello stabilimento Rivalta di Torino, ma l'assemblaggio sarebbe proseguito, fino al 1983, in Egitto, Marocco, Jugoslavia e Sudamerica.

Fiat 128

Nell'idea dei suoi creatori doveva sostituire gradualmente la Fiat 1100. Presentava una trazione anteriore con un gruppo motore - trasmissione che veniva montato in trasversale e un cambio in linea, il che consentiva di sfruttare al meglio lo spazio dell'abitacolo. Nei primi anni Settanta, quando uscì sul mercato, ottenne subito la reputazione di vettura avveniristica anche grazie ad altre scelte fortunate, come quella delle sospensioni a quattro ruote indipendenti.

Gli interni raccontavano pulizia ed efficacia, strizzando l'occhio alla piccola borghesia che se la sarebbe comprata. Il cruscotto era intuitivo, le finiture semplici, i sedili rivestiti in finta pelle. La motorizzazione del suo debutto era un 4 cilindri in linea di 1116 cm³ da 55 CV, con albero a camme in testa azionato da cinghia dentata in gomma, che comandava direttamente le punterie senza interposizione di bilancieri. Lanciata a tutta, poteva toccare una velocità massima di circa 140 km/h.

Non solo Tom Hanks, però. La Fiat 128 deve la sua aurea di eternità ad un altro utilizzatore, se possibile ancora più celebre: Enzo Ferrari, infatti, era solito guidarla per i piccoli spostamenti casa - lavoro e ne apprezzava la funzionalità. Non una vettura da oscar, ma di sicuro una convincente co-protagonista.

Commenti