Bari, con Ventura "discorso non ancora chiuso"

Il ds Perinetti avverte: «Aspettiamo che torni e vediamo se possiamo chiarire con lui, altrimenti cominciamo anche da un'altra parte». Tornano i nomi di Beretta e Mazzarri. Sfumati gli affari con l'Udinese per Obodo, Langella e la comproprietà di Barreto

Dopo il divorzio a sorpresa da Antonio Conte, il Bari è ancora alla ricerca di una guida tecnica. In pole position solitaria sembrava Giampiero Ventura, «sul mercato» dopo i due anni a Pisa, che sul suo blog saluta tutti i tifosi «per il calore, ma soprattutto per l'emozioni, che mi avete regalato fuori e dentro l'Arena». Intanto il mister genovese è in ferie negli Stati Uniti, eppure dalle parti della Puglia fanno sapere che il nuovo matrimonio con la società biancorossa è tutt'altro che già scritto. A dirlo è lo stesso direttore sportivo dei galletti, Giorgio Perinetti. Che avverte: «Aspettiamo che torni e vediamo se possiamo chiarire con lui, altrimenti cominciamo anche da un'altra parte».
Uno «squillo» a Mario Beretta o Walter Mazzarri, gli altri due principali candidati alla panchina del Bari? Vedremo nei prossimi giorni. L'unica certezza, per il momento, è che sfumano, come ha dichiarato il ds Perinetti, il triplice affare con l'Udinese per l'arrivo al San Nicola di Obodo e Langella e l'acquisizione della seconda metà di Barreto. Ma quello era il Bari di Conte, separatosi da Matarrese per «divergenze di vedute» in primo luogo nella campagna acquisti. Ora si apre un'altre fase. Resta «solo» da trovare l'uomo giusto a cui affidare la responsabilità di una stagione in paradiso dopo otto anni di grigio purgatorio (e una retrocessione in serie C poi «revocata»). Intanto i tifosi nei forum della Rete si chiedono: «Che ne sarà della squadra che quest'anno ha divertito tutti? Ci aspetta il solito campionato da vittime designate?». A Bari gli interrogativi sono proprio tanti.

Commenti