Basilicata, vince De Filippo. Ma la sopresa è Magdi Allam

Pagliuca (centrosinistra) conquista la regione con il 60,1% dei consensi. Il centrodestra si ferma al 27,6%. Buona affermazione di Magdi Allam che raccoglie il 8,6% dei voti, superiore alla sua lista "Io
amo la Lucania", ferma al 3,5%

Era una sfida a tre quella in Basilicata, per la poltrona di governatore. A correre, il presidente uscente, Vito De Filippo per il centrosinistra, il capogruppo di Fi-Pdl nell’ultima consiliatura Nicola Pagliuca per il centrodestra e l’europarlamentare e vice direttore del Corriere della Sera, Magdi Cristiano Allam. De Filippo è stato confermato presidente della Regione Basilicata con il 60,1% delle preferenze. Il rivale del Pdl, Pagliuca, è rimasto fermo al 27,6%. Fin dal pomeriggio di ieri, le prime proiezioni davano per vincente in Basilicata, con larghissimo vantaggio, il candidato del centrosinistra. Allam raccoglie il 8,6% dei consensi, ben superiore alla sua lista «Io amo la Lucania», ferma al 3,5%.

Anche in Basilicata, l’affluenza alle urne è stata debole. Alle ore 15 di ieri aveva votato il 62,8% degli elettori, un calo di 4,4 punti rispetto alle precedenti omologhe. Alle regionali del 2005 si era recato alle urne il 67,2%, il 75,4% alle politiche 2008. A Potenza ha votato il 72,6% degli aventi diritto (77,2% alle regionali 2005; 79,1% alle politiche 2008). Il vincitore Vito De Filippo è nato a Sant’Arcangelo il 27 agosto del 1963, è sposato ed è padre di due figli. Laureatosi in filosofia con il massimo dei voti, diventa giornalista, collaborando con varie riviste e giornali. Inizia giovanissimo l’attività politica: a 26 anni è eletto al Consiglio provinciale di Potenza. Ricopre in seguito la carica di Assessore provinciale alla Sanità e di vice presidente della Provincia. Nella tornata elettorale delle regionali del 2005 viene eletto presidente della Basilicata, risultando il governatore più votato d’Italia con il 67% dei consensi. È iscritto al gruppo consiliare Uniti nell’Ulivo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.