Bbc licenzia il servizio meteo: sbaglia le previsioni

Un’altra istituzione inglese rischia di crollare per perdita di credibilità. Ha 90 anni di onorata attività, ma il Met Office - che da quasi 90 anni fornisce le sue previsioni meteorologiche alla Bbc - rischia di essere licenziato dall’emittente che ora vorrebbe assegnare il contratto a una rivale neozelandese. La ragione? Il servizio ha rovinato la sua inossidabile reputazione sbagliando due previsioni fondamentali: ha previsto un’estate caldissima e un inverno mite quando si è poi verificato tutto il contrario.
L’ultimo bollettino sbagliato risale alla settimana scorsa, quando il Met Office non ha previsto l’abbondante nevicata abbattutasi sul sud-est dell’Inghilterra. La Bbc di conseguenza non ha avvertito i cittadini, che ignari del pericolo si sono trovati dinanzi a strade bloccate e treni fermi. Il servizio radiotelevisivo pubblico è stato dunque inondato da una serie di lamentele, mentre le emittenti rivali commerciali avevano invece trasmesso previsioni accurate, affidandosi ai bollettini di una serie di agenzie meteo private, più lo stesso Met Office.
Nel bel mezzo della polemica - secondo un sondaggio pubblicato ieri dal Sunday Times il 74% dei britannici non si fida più del Met Office - non stupisce quindi l’annuncio della Bbc: ad aprile il contratto con l’ufficio meteorologico scadrà, e l’emittente starebbe prendendo in considerazione l’agenzia meteo neozelandese Metra come possibile alternativa.
Metra, con la quale la Bbc starebbe negoziando già da settembre, fornisce all’emittente le sue mappe tridimensionali per le previsioni televisive ed ha già strappato al Met Office altri contratti. «La Bbc non è contenta del servizio che ottiene dal Met Office. Lo trova troppo costoso. Noi siamo in grado di offrire un servizio su misura a prezzi più bassi e siccome forniamo già la grafica siamo ottimisti», ha dichiarato al Sunday Times una fonte vicina a Metra.
A scoraggiare le agenzia private a competere con il Met Office per l’importante contratto con la Bbc è stata finora la richiesta, da parte dell’emittente, di fornire non soltanto le previsioni, ma anche i presentatori. «Dove li troviamo 20 presentatori per il meteo? È un peso enorme. Il Met Office ha un vantaggio ingiusto», ha detto al domenicale una fonte di un’agenzia rivale. Interpellata dal Sunday Times, la Bbc non si è sbilanciata sulle sue intenzioni nei confronti del suo quasi novantenne partner per il meteo: «È normale, quando un contratto sta per scadere, che si prendano in considerazione tutte le opzioni in modo da ottenere il miglior rapporto tra qualità prezzo per chi paga il canone».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.