Le bocche di Bonifacio a ritmo di jazz

Un'invasione - pacifica - di note, melodie, pentagrammi e suggestioni sbarca a Santa Teresa di Gallura, dove dal 26 al 31 agosto prende il via la IX edizione del Festival Internazionale di Jazz «Musica sulle bocche» (per informazioni sul festival: www.musicasullebocche.it oppure 079/952118. Per informazioni turistiche: ufficio turistico Santa Teresa Gallura Tel.0789/754127), dedicato al mito del Sudamerica. La particolarità e la forza del festival diretto da Enzo Favata? Irradiare ogni luogo con le sonorità jazz. In cartellone, infatti, concerti in piazza, nel chiostro del porto e al faro di Capo Testa, sui traghetti per la Corsica e ancora performance di piano solo sulla spiaggia per salutare il sole che sorge, marching band lungo le strade e appuntamenti musicali per i più piccoli (abbonamento al festival 10 euro).
All'interno della prestigiosa rassegna, ideata e organizzata dall'Associazione Jana Project con il sostegno del Comune di Santa Teresa Gallura, della Regione Autonoma della Sardegna, della Fondazione Banco di Sardegna, si susseguiranno i concerti di artisti rappresentativi del panorama jazz e non solo: dal duo Antonio Marangolo e Juan Carlos "Flaco" Biondini agli Aires Tango guidati da Javier Girotto, dal chitarrista classico Simone Onnis al progetto Ajo' Mandi & Youngers tra Sardegna e Friuli, dal soprano Karin Schmidt, accompagnata da Paolo Alderighi, al Michelangelo Decorato Quartet. Si esibiranno anche il quartetto di sassofoni Arcadia, il Nuovo Quintetto Atlantico di Enzo Favata, il Nuevo Tango Ensamble, l'Armeria dei Briganti, Francesco Bearzatti Tinissima Quartet e Tina Modotti Video Project, il latin jazz di Calixto Oviedo Band con Maurizio Brunod.
Tutte le giornate e i luoghi del festival saranno accompagnati dalla Bandakadabra e dal gruppo di percussionisti Timbales, mentre sui traghetti per la Corsica saliranno due giovani promettenti formazioni sarde, Killer Wave Trio e Pixeldrama. Ai pianisti Roberto Piana e Mario Laginha sono affidati i due emozionanti concerti che accompagneranno il sorgere del sole sulla spiaggia di Rena Bianca.
Come sempre il Festival si apre anche ad altri linguaggi artistici. La letteratura sarà rappresentata da Beppe Severgnini che ogni sera precederà il concerto serale con i «Racconti sulle Bocche». Il 26 agosto sarà anche protagonista della giornata di anteprima del festival insieme allo scrittore sardo Flavio Soriga.
Il Sudamerica non è solo interpretato dal jazz, ma anche dall'obiettivo fotografico: sono infatti due i progetti presentati al festival. «Due cani in una limousine» a cura di Gerda Kochanska e Luca Tronci, fa parte di un progetto a lungo termine realizzato in Nicaragua, grazie alla collaborazione con l'associazione www.losquinchos.it impegnata nel recupero dei «ninos de la calle» mentre «Calle Caracas» è il reportage dalla Bolivia di Rafael Arocha. Le immagini verranno proiettate sugli edifici e nei luoghi dei concerti.
Altri eventi speciali di questa edizione sono le Lezioni di tango a cura del maestro Anibal Barba (tutti i giorni dalle 19.30 alle 21.30), il jazz raccontato ai bambini e «Os caminhos de Garibaldi na America», il racconto-aperitivo degli anni sudamericani dell'eroe dei due mondi (dal 27 al 29 presso il chiostro del porto alle ore 20.00).
Musica sulle Bocche aderisce e sostiene l'appello di Greenpeace per una efficace protezione delle Bocche di Bonifacio e del suo ecosistema (www.greenpeace.org/italy/news/appello-bonifacio).

Commenti