Brescia Cade da 15 metri. Muore operaio in acciaieria

Si chiamava Alberto S. e aveva 43 anni, l’operaio deceduto ieri mattina dopo essere precipitato da circa 15 metri di altezza dal cestello di una piattaforma all’interno dello stabilimento dell’acciaieria «Ori Martin Spa» di Brescia. Con lui è caduto nel vuoto anche il suo collega, Gabriele M. di 47 anni, ricoverato in gravissime condizioni presso gli Spedali Civili della città lombarda, dove è stato operato d’urgenza. Da una prima ricostruzione, i due operai dipendenti della «Sm Lattoneria Brescia» stavano eseguendo dei lavori di manutenzione al tetto di un capannone dello stabilimento siderurgico, quando intorno alle 9, il cestello sul quale si trovavano si sarebbe inclinato facendo precipitare nel vuoto gli operai, per poi staccarsi definitivamente dalla piattaforma.I sanitari del 118 intervenuti non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di Simoncelli, presumibilmente morto sul colpo, mentre il suo collega è stato trasportato in codice rosso al nosocomio bresciano. Appena appresa la notizia del terribile incidente, la Rsu e i sindacati metalmeccanici della storica acciaieria bresciana hanno indetto uno sciopero immediato che si è protratto fino alle 10 di questa mattina.