Il buco di Burlando finisce davanti alla Corte dei Conti

Il buco di Burlando finisce davanti alla Corte dei Conti

I conti non tornano. Non è una novità per i lettori del Giornale che sull’argomento nei mesi scorsi avevano già avuto una bella infarinatura grazie all’inchiesta sulla gestione della «Centrale Regionale Acquisti», l’ultima trovata di Claudio Burlando per regalare qualche poltrona. Tre dirigenti e un funzionario lavorano dal 2007 ad un’agenzia regionale nata con lo scopo di tagliare le spese per 30 milioni ed invece ne è derivato un aggravio pari a 3,3 milioni senza portare a termine nessuna gara.
La denuncia arriva direttamente dal candidato alla presidenza della Regione per il centrodestra, Sandro Biasotti, accompagnato dal coordinatore regionale Pdl Michele Scandroglio. «La politica sanitaria portata avanti da Montaldo e Burlando è semplicemente un disastro - attacca Biasotti che riporta i numeri del deficit sanitario -. Quando presi la Regione nel 2000 ereditai 100 milioni di passivo che, nel 2004, erano scesi a 50. La manovra di Burlando costerà ai liguri 120 milioni solo per la sanità». L’attacco specifico sulla gestione della Centrale arriva dai consiglieri del Pdl. Nicola Abbundo è deciso a rivolgersi alla Corte dei Conti per denunciare la questione: «Ha dell’incredibile che questo soggetto nato per risolvere il deficit sanitario non abbia avuto la possibilità di fare nuove gare d’appalto e tagliare i costi di gestione, c’è una marcata mancanza di trasparenza». Sulla stessa linea Luigi Morgillo che cita un documento del direttore generale della Centrale Acquisti Lionello Ferrando per motivare l’inutilità dell’ente: «Il 18 febbraio scorso il direttore generale, rispondendo alla Asl 5 spezzina, scriveva “si conferma che la Centrale Regionale Acquisto non ha in programma di effettuare, per l’anno 2009, gare relative a servizi così come risulta da verbale della riunione del Consorzio”». «Stando così le cose sfido Burlando alla trasparenza» attacca Morgillo, mentre Gianni Plinio si chiede come, di fronte a questo mancato risparmio il tavolo di monitoraggio possa dare l’ok alla riduzione delle tasse annunciata da Burlando: «un piano da illusionisti», la chiosa Plinio. «Questi sono pazzi - replica alle accuse del Pdl Lionello Ferrando -. Manca un organico sufficiente per raggiungere i risultati richiesti. La verità è che solo Burlando crede nel progetto». Sulle accuse alla gestione dei conti sanitari ha replicato l’assessore alla Salute Claudio Montaldo: «La verità sul disastro lasciato da Biasotti è stata ripetutamente certificata dai ministeri e nei bilanci della Regione fino ad oggi. Il tavolo di monitoraggio del Ministero ha sempre approvato i bilanci della sanità a dimostrazione che la Regione ha centrato sempre l'obiettivo complessivo per il 2007 e 2008 e lo centrerà anche quest'anno».

Commenti

Grazie per il tuo commento