Il Buridda si trucca ma il Comune guarda e sta zitto

Il Buridda si trucca ma il Comune guarda e sta zitto

Un tocco di giallo sullo sfondo nero. Una cancellata tinteggiata ulteriore segno che chi non vuole sentir parlare di proprietà privata si appropria di ciò che è di tutti e lo fa suo. Eccoli lì, nuovamente lancia in resta i capetti del laboratorio sociale Buridda di via Bertani che si rivestono dei colori dell’Ape Maia continuando ad occupare un immobile di proprietà comunale e a sostegno del loro esproprio hanno ridipinto anche la cancellata all’ingresso della costruzione. Il tutto nella più totale illegalità e, altrettanto ovviamente (visto che siamo a Genova) il tutto rigorosamente tollerato. A testimoniarlo anche un nostro lettore che, visti i giovani intenti a carteggiare la cancellata, ha segnalato quanto stava accadendo ad un agente della polizia municipale nella zona di piazza Corvetto. Ma la risposta è stata alquanto laconica: «Ma avevano esposto il cartello vernice fresca?».
Il vero problema, infatti, è il dettaglio, il cartello sulla coloritura. È la cornice che interessa e non il quadro. Fatto sta che in via Bertani, nell’edificio che fu sede della facoltà di Economia e Commercio, quelle persone non dovrebbero proprio stare. Sono abusivi. L’amministrazione comunale aveva detto che vi avrebbe messo mano al più presto per risolvere una situazione che diventa sempre meno tollerante per i residenti di Castelletto. A portare, ancora una volta, all’attenzione della giunta comunale il problema è Lilli Lauro, consigliere Pdl, che ha presentato una mozione urgente chiedendo al sindaco di intervenire in maniera urgente per «ripristinare autorevolezza istituzionale dopo anni di colpevole accondiscendente tolleranza».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti