Cacciari: «Serve una forza nordista Basta leader nazional-popolari»

Il più drastico è il sindaco di Venezia Massimo Cacciari: o si crea un Pd nordista capace di far concorrenza alla Lega, o il Nord è perso per la sinistra: «Speriamo che a forza di sconfitte e calci in culo il centrosinistra lo capisca. Ci vuole un Pd lombardo-veneto: autonomo, territorialmente radicato, con una sua leadership specifica. Servono nuovi leader credibili, autonomistici: la smettano di candidare in Veneto facce nazional-popolari, non ne hanno azzeccata una». Il candidato leader ideale del Pd nordista, secondo Cacciari, è Sergio Chiamparino. Altro forte sostenitore del modello «federalista» per il suo partito, che a suo parere «dovrebbe riuscire a smettere di essere una federazione di correnti per diventare una federazione di territori». Un partito del Nord, secondo il sindaco di Torino, potrebbe non solo far concorrenza, ma anche dialogare con la Lega, in vista di una possibile alleanza. Cacciari invita a guardare al modello Carroccio: «La Lega è fortissima al Nord non perché dice di sparare ai negri o puttanate simili, ma perché è un movimento con fondamenti concretissimi di denuncia contro il centralismo decrepito dello Stato».

Commenti