Alla Camera «Veneziana», «no: italiana»: lite tra onorevoli

Il secondo oro di Federica Pellegrini ai Mondiali di nuoto finisce perfino in Parlamento, con tanto di lite tra opposte fazione. Alla notizia infatti esplode la querelle tra la Lega e Furio Colombo del Pd quando Marco Reguzzoni del Carroccio informa l’Assemblea della performance dell’atleta «che è veneziana». Parte un applauso, ma Furio Colombo sbotta: «Ricordo che la Pellegrini non è veneziana: è italiana. E che questo è il Parlamento italiano». Cerca di gettare acqua sul fuoco il vicepresidente di turno Rocco Buttiglione. «La signora Pellegrini - sostiene - è una gloria dello sport italiano. Sarebbe molto sbagliato opporre il fatto di essere veneziani a quello di essere italiani». Ma Manuela Dal Lago, anche lei della Lega, non ci sta: «Colombo stavolta ha perso una occasione intelligente di star zitto. Che era italiana lo sapevamo già visto che gareggiava per il Tricolore. Forse era simpatico dire in quest’Aula che era della regione Veneto. Colombo non ha nemmeno la capacità di cogliere elementi di unione rispetto a quelli di divisione».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti