Caro Alex... O stai bene o stai fuori

Alla Juve si ricomincia quasi come si era finito: in emergenza. E tra quei tanti fermi ai box c'è pure lui: il Capitano. Con la sua bella sciatalgia da «nonnetto» prossimo ai 36 anni. Con la stampa a domandarsi: come la prenderà Alex Del Piero a partire - se va bene - dalla panchina? Quesito a metà tra il provocatorio e l'idiota: se ha mal di schiena, mi dite come dovrebbe prenderla? O, se preferite, giriamola così: si può giocare col mal di schiena? Risposta ovvia: no. Quindi pure Alex se ne farà una ragione.
Io da tifoso juventino però mi chiedo una cosa: perché al 21 di agosto siamo pieni di cerotti e acciacchi pur avendo sostituito in toto staff medico & preparatori? Dopodiché, sul Capitano dico - spero - la cosa più ovvia: se sta bene, gioca. In caso contrario, sta fuori. E per «bene» intendo «bene-bene». Perché non voglio iniziare un altro torneo con giocatori a mezzo servizio incapaci di battere un Chievo, simpatico ma (si può dire?) decisamente più debole (Pellissier permettendo). Altrimenti, non sarebbe servito a niente spendere 47 milioni per Diego e Melo, parlare di gap annullato con l'Inter e quant'altro. Si dovrà vincere con o senza Alex. E «zio» Alessandro dovrà al tempo stesso iniziare a chiedersi seriamente: potrò giocarle sempre tutte?

Commenti