La cena in cascina? Una vera Cuccagna

L'estate è agli sgoccioli, le vacanze solo un ricordo... Per chi sogna di trovarsi ancora fuori città, cosa c'è di meglio che una serata in mezzo al verde della Cascina Cuccagna? L'appuntamento è per questa sera, a partire dalle 20.30, con una cena nel verde a cura dello chef Vittoria. In menu: insalata di pollo marinato con avocado alla griglia e macedonia di stagione. Per i vegetariani invece insalata con i prodotti dell'orto della Cascina, formaggio, e macedonia di stagione (10 euro, bevande escluse. Ingresso con tessera esterni 5 euro).
Andare a cena alla Cuccagna ha un duplice significato: da un lato si possono mangiare cibi biologici in una cornice d'altri tempi e «d'altri luoghi», dall'altro partecipando all'Open Source, ovvero agli appuntamenti del martedì sera, si può dare un piccolo contributo alla realizzazione del Progetto Cuccagna. Che cos'è? Il progetto «cascina Cuccagna», vincitore di un bando di gara indetto dal Comune negli anni Novanta, punta a trasformare la cascina del '700 nel centro della città - in via Muratori - in un centro culturale polifunzionale al servizio del quartiere, ma non solo. I 750 metri quadrati di superfice interni al piano terra della Cascina, dovrebbero ospitare un ristorante biologico che aprirà marzo 2010, l'agenzia per il turismo agricolo e ambientale, laboratori artigianali, la ciclofficina, già attiva. Sempre al piano terra troveranno posto un auditorium, spazi per la danza, sale prove, sale musica e spazi espositivi. I 250 mq all'esterno della struttura, invece, sono stati adibiti a serre, laboratori verde e orto didattico. I prodotti dell'orto, ma non solo, verranno venduti al mercato periodico all'aperto. 1 apertura dell'agenzia per il turismo agricolo e ambientale (giugno 2009).
La realizzazione del Progetto Cuccagna passa necessariamente dal recupero della storica cascina. Il restauro conservativo e l'adeguamento all'utilizzo pubblico multifunzionale dell'edificio e degli spazi richiede un investimento di circa 3 milioni di euro. Una parte della cifra, che ha permesso l'avvio del cantiere, è costituito da un consistente contributo della Fondazione Cariplo che, attraverso un suo bando, ha riconosciuto la validità e l'importanza del Progetto, e da un finanziamento agevolato dalla banca Popolare di Milano. Ora il problema è reperire altri fondi per andare avanti. Per questo il consorzio propone, oltre agli usuali sistemi di sottoscrizione, un'opportunità di contribuzione mirata a specifiche realizzazioni. Per chi fosse interessato a partecipare alla realizzazione del Progetto Cuccagna sono a disposizione dei certificati di sottoscrizione da 250 euro l'uno per il fondo destinato al recupero e utilizzo pubblico dell'intero complesso della cascina Cuccagna: edificio, spazi verdi e cortili. Cos'apettate? La cuccagna è a due passi!

Commenti