Cittadini

Dallo sblocco dei crediti alla proroga: ecco cosa può cambiare sul Superbonus

Corsa contro il tempo per modificare alcune regole basi sul Superbonus e ottenere le proroghe principali su Cilas e cessione dei crediti

Dallo sblocco dei crediti alla proroga: ecco cosa può cambiare sul Superbonus

Il nuovo governo ha ereditato la spinosa questione del Superbonus 110%: come abbiamo visto sul Giornale.it, si fa sempre più convincente la strada che porta alla proroga del beneficio statale nella sua misura massima (quindi al 110%) e sembra in discesa anche quella che porta alla cessione dei crediti tramite l'F24.

I principali cambiamenti

I termini per la presentazione della Cilas sono scaduti il 25 novembre ma potrebbe essere prorogata fino all'ultmi giorno dell'anno come ha fatto intendere il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti. Più che altro, il pressing per allungarla di alcune settimane è stato fatto da Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) e Abi (Associazione Bancaria Italiana) ma trova molto spazio nel nuovo decreto ministeriale. "Sul superbonus, noi stiamo intervenendo sui crediti d’imposta per motivazioni che non sfuggiranno a chi è transitato dal Mef. Però c’è un monte di lavori in pancia al Superbonus che continua, non si interrompe, e che continuerà nel corso tempo a produrre una spinta per il settore dell’edilizia", ha dichiarato il ministro alla Camera.

Cosa succede con la Cilas

Come detto, i partiti pressano e la Comunicazione Inizio Lavori Asseverata Semplificata vedrà probabilmente un prolungamento. Come spiega il Corriere, la misura è necesssaria per una determinata categoria di lavori altrimenti il 110% rimarrà valido soltanto per gli interventi comunicati prima del 25 novembre. Chi non l'ha ancora presentata, invece, potrà usufruire soltanto dell'85% e non della misura completa.

Cosa succede con gli F24

Le altre novità, come già accennato, dovrebbero riguardare tutte le cessioni del credito che vanno sbloccati tramite i modelli F24: è questa la soluzione proposta dalle Associazioni alle quali la Lega ha subito dato il proprio assenso tramite un emendamento fatto apposta. "Ci sono emendamenti sia in direzione di proroga che di sblocco dei crediti, come ad esempio la proposta, venuta da Abi e Ance, sulla compensazione con F24. Non sappiamo se il governo recepirà quella proposta ma ci sembrava meritevole di attenzione", ha dichiarato al quotidiano Claudio Borghi, senatore leghista. Qualora fosse assorbita nella Manovra di governo, bisognerà capire quali saranno i nuovi costi.

"Ci sono ragionamenti in corso", ha affermato nche il leader della Lega, Matteo Salvini. "Dal Parlamento arriva la richiesta di trovare una soluzione per lo sblocco dei crediti d'imposta già maturati sul superbonus", scrive l'Ansa. Secondo i dati del Censis, la misura statale ha già prodotto 43 miliardi di euro di investimenti autorizzati soltanto nello scorso mese di agosto con un volano per l'economia pari a circa 90,5 miliardi 57 dei quali hanno contribuito a formare il Pil e far lavorare migliaia di addetti.

Commenti