Il commento L’unica soluzione è eliminare i campi abusivi

(...) per mantenere dodici campi rom attrezzati (entro il 2011 dovrebbero però chiudere i campi di via Triboniano, via Novara e via Bonfadini) in cui attualmente vivono circa 1600 rom, la metà dei quali sono italiani; più o meno altrettanti rom vivono in baraccopoli abusive. Ma il vero problema dei rom è soprattutto di carattere «culturale», il vero problema è il loro rifiuto ad accettare il nostro tipo di società: sono pochissimi i rom che cercano un lavoro stabile, sono pochi i rom che mandano i loro figli a scuola; la maggior parte dei rom vive di espedienti più o (assai più spesso) meno legali. È di ieri la notizia dell’arresto a Trieste di tre croati che hanno acquistato una bimba di 13 anni della loro stessa etnia per 200mila euro; la tredicenne sarebbe stata sfruttata per furti e affini. Non è vero dunque che il Comune di Milano non faccia alcunché per i rom così come non è vero che il governo Berlusconi si disinteressi del problema. Il ministro Maroni, dopo aver fatto effettuare un censimento dei campi nomadi a Roma, Milano e Napoli ha stanziato dei fondi per la trasformazione dei campi rom autorizzati in villaggi attrezzati; non ci risulta che i governi di centrosinistra abbiano mai fatto qualcosa di simile. Tanto per cambiare la loro politica dell’accoglienza consiste nel far nulla, nel lasciare in piedi i campi rom abusivi e nel non tener in alcun conto le proteste della gente che con questi campi è costretta a convivere. La politica di Maroni (rigore e accoglienza) ha fatto sì che, non appena fu avviato il censimento a Roma, Milano e Napoli, ben dodicimila rom abbiano lasciato l’Italia. Certo risolvere il problema non è facile ma se si vogliono evitare altre tragedie come quella di Enea Emil non si può che procedere sulla strada dell’eliminazione dei campi abusivi.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento