Così i movimenti tradizionalisti stanno "assaltando" la Chiesa

Il tradizionalismo rinasce in Sud America, nonostante le correnti progressiste stiano acquisendo sempre più spazio. Ma l'atteggiamento della Chiesa cattolica delude tanti fedeli

Il tradizionalismo cattolico è tornato in auge. L'Europa, certo, ma anche il continente sudamericano, sono i palcoscenici di un vero e proprio boom vocazionale. Le realtà tradizionali non conoscono crisi. Juan Migel Montes, che è il direttore del Bureau che rappresenta le Tfp estere a Roma, ossia le associazioni "Tradizione, Famiglia e Proprietà", spiega i motivi della "esplosione", in questa intervista esclusiva rilasciata a IlGiornale.it. Ma è possibile anche annotare forti critiche al progressismo dottrinale.

Tradizione, Famiglia e Proprietà: cosa fate di concreto in qualità di ente? Siete vicini a Bolsonaro?

Premetto che non esiste un’unica Associazione Tradizione Famiglia Proprietà (Tfp). Si tratta di un insieme di associazioni, consorelle ma autonome su base nazionale, presenti in più di 30 Paesi, alcune con un nome diverso. In Brasile esiste l’Istituto Plinio Corrêa de Oliveira (Ipco), che continua in quel Paese l’opera del grande leader cattolico.

Ma siete o no vicini al presidente brasiliano?

L’Ipco non è un ente partitico. Perciò non ha nessun rapporto istituzionale col governo Bolsonaro, anche se alcune sue politiche ci sembrano giuste. Per esempio: la designazione di ben tre sottosegretari di origine indigena, dando così voce istituzionale ai popoli della foresta; la chiusura di alcune false ong che si approfittavano della carità pubblica per portare avanti un’agenda politica eversiva; il rafforzamento delle forze dell’ordine, una mossa che conta sull’appoggio massiccio dei brasiliani; lo smantellamento di molte politiche socialiste messe in atto dagli anteriori governi, che stavano portando il Paese sulla via venezuelana; la cancellazione dell’educazione Lgbt nelle scuole e via dicendo.

Qual è allora il vostro compito?

Il compito dell’Ipco è di informare e di allertare l’opinione pubblica sui grandi temi del momento, attraverso pubblicazioni, conferenze e campagne di piazza. Per ciò conta con un dinamico settore giovanile – l’Ação Jovem – in rapida espansione in diversi stati della Federazione. Si tratta di un’azione dottrinale, legale e sempre pacifica.

In Sud America si stanno sviluppando realtà come le vostre o comunque collegabili al tradizionalismo cattolico?

In tutta Latino America c’è uno zampillare di realtà, piccole e grandi, che traducono una forte reazione contro il socialismo, sia politico sia culturale. Il fenomeno è adesso al vaglio degli studiosi, che parlano di un’ondata di neoconservatorismo. Le associazioni Tfp ovviamente ne gioiscono, anche perché per decenni hanno portato avanti queste battaglie praticamente da sole. Non possono non rallegrarsi nel vedere che, adesso, le realtà collegabili a un’idea tradizionale di cattolicesimo si moltiplicano ovunque.

Quali sono le forme di diffusione del rinnovato interesse verso il tradizionalismo?

Si moltiplicano i blog di destra, animati da giovani e giovanissimi, con milioni di follower. Sorgono nuovi gruppi politici e culturali di orientamento conservatore. Guadagnano notorietà le conferenze online di orientamento tradizionalista. Si diffondono negozi di abbigliamento morigerato, in aperto contrasto con le mode immorali o stravaganti odierne. Dopo decenni di virtuale monopolio culturale della sinistra, si pubblicano sempre più libri e si realizzano sempre più convegni di area centro-destra. A volte il fenomeno può essere perfino abbagliante. Per esempio, i sondaggi mostrano un 37% dei brasiliani favorevoli alla restaurazione dell’Impero. Le Tfp e associazioni affini hanno, ovviamente, legami di amicizia, vicinanza o perfino collaborazione con molte di queste realtà, ma il fenomeno è troppo esteso per poter abbracciarlo tutto.

Ritenete che la Chiesa cattolica odierna si stia adagiando troppo addosso ai cosiddetti “diktat" del mondo”?

La nota fondamentale di tutti gli errori teologici e pastorali moderni – dal cattolicesimo liberale al Modernismo alla Nouvelle Théologie – è la bramosia acritica di “adattare” la Chiesa al mondo. Lo stesso Vaticano II si presentò come un Concilio pastorale teso a stabilire “un nuovo rapporto col mondo”. Il problema ha due aspetti, uno teorico e uno pratico. Teoricamente, la domanda si pone in questo modo: La Chiesa è il sale della terra e la luce del mondo, oppure la terra è il sale della Chiesa e il mondo la sua luce? Nella pratica la domanda è: A quale mondo si vuole, concretamente, adattare la Chiesa? E, purtroppo, la risposta è: al mondo nato dalla serie di rivoluzioni che hanno funestato la Chiesa e la Cristianità dalla fine del Medioevo. In altre parole, fanno una lettura ideologica della storia moderna che li porta a una scelta di campo di contenuto prettamente rivoluzionario. Ciò detto, mi sembra che la sua domanda sia un tanto oltrepassata. Purtroppo, oggi alcuni settori della Chiesa non solo seguono i “diktat del mondo” ma, anzi, assumono la leadership.

Qual è il futuro del cattolicesimo in Sud America?

È impossibile prevedere il futuro immediato. Comunque, il sorgere di un possente movimento nell’opinione pubblica di segno tradizionale permette di avere non poche speranze. Tali speranze si fondano anche sulle promesse della Madonna che, a Fatima, ha proclamato il trionfo del suo Cuore Immacolato, dopo un periodo di tribolazione.

Eppure voi nutrite della speranza...

Papa Pio XII chiamava l’America Latina il “continente della speranza”. Fino a pochi anni fa, la percentuale di cattolici superava abbondantemente il 90%. Oggi, invece, stiamo attraversando un periodo di tribolazione con molte persone passate alle sette protestanti a causa del discorso poco religioso e molto politico della teologia della liberazione nella Chiesa cattolica, un fenomeno chiaramente denunciato da Benedetto XVI. Ma la speranza resta e si percepisce una ripresa del cattolicesimo specialmente, come detto sopra, negli ambienti giovanili di tendenza conservatrice o tradizionalista.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Mar, 24/12/2019 - 15:22

Tradizionalismo cattolico dal sud-america? ma stiamo scherzando, suvvia.

Ritratto di computerinside

computerinside

Mar, 24/12/2019 - 15:43

Con un papà filoislamico ...! Ovvio la gente senta esigenza di tornare al passato quando fare il presepe era lecito . Naturalmente il papà va oltre sta facendo a pezzi il cristianesimo. Gente con fede tradizioni e conoscenze si ribella.

Italianocattolico2

Mar, 24/12/2019 - 15:51

Siamo arrivati al punto di dover riporre la speranza per la sopravvivenza della fede cristiana in paesi lontani da Roma. Ma non era Roma la sede del Pontefice di tutti i cristiani ??? Forse lo hanno spostato alla Mecca senza dirlo a nessuno ??? Tempo addietro per descrivere un individuo falso ed ipocrita lo si chiamava gesuita; proprio come il papa attuale.

cgf

Mar, 24/12/2019 - 16:08

@venco a parte che NEI SECOLI ogni zona del globo ha portato avanti le proprie tradizioni e forse più l'Europa, Italia compresa ha perso quelle di solo 40/50 anni fa, ma lei dovrebbe vedere come assistono E PARTECIPANO alla messa i Brasiliani, si vergognerebbe di essere acqua [molto] tiepida in confronto.

EliSerena

Mar, 24/12/2019 - 16:18

Almeno la vigila di Natale astenetevi dal commentare il Cattolicesimo. Proprio voi che continuamente scrivete articoli di fuoco contro il Papa, voi che con piacere pubblicate commenti come " forza ali agca e una mela in bocca e vai gugliemo tel " rivolti al Santo Padre e censurate chi lo sostiene. Non ne avete il diritto.

kitar01

Mar, 24/12/2019 - 16:23

Veramente è Bergoglio che sta assaltando la Chiesa. Ad esempio negare che Gesù sia Dio è assaltare la Chiesa, sostenere la divinità di Cristo non è tradizionalismo ma semplicemente rivendicare ciò che la Chiesa ha sempre insegnato.

FraScassato

Mar, 24/12/2019 - 16:24

E la fede cattolica che resiste a dispetto dei pastori apostati.

Nick2

Mar, 24/12/2019 - 16:34

Quali sono i tradizionalisti cattolici? Forse gli alcolisti dell’Europa orientale, che si riuniscono in piazza con stendardi di santi e Madonna insieme a neofascisti e neonazisti, razzisti, omofobi e ferocemente antisemiti? Questi sono i fari che illuminano la politica del vostro ducetto in felpa. Questa è la tradizione cattolica che tanto vi vantate di voler difendere? Che tristezza!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 24/12/2019 - 16:41

Mi chiedo: come mai Bergoglio non sia stato ancora in Argentina, non è ancora andato a visitare la sua patria? Dicono da quelle parti (vox populi) gli interessa solo il potere! Credo vi sia una certa esagerazione in queste parole, tuttavia l’immagine di Francesco come di un "ideologo" di cui poco fidarsi, pare sia piuttosto diffusa e condivisa a Buenos Aires. Spero si decida di andare in Argentina una volta per tutte.

agosvac

Mar, 24/12/2019 - 17:03

Credo che bisogna capire che c'è, purtroppo, una notevole differenza tra i fedeli cristiano/cattolici e la Chiesa attualmente guidata da un Papa filoislamico. Direi anzi che proprio perché alla guida della Chiesa c'è un Papa filoislamico, i veri credenti stiano aumentando per reazione anche se, almeno in Italia e, forse, nel resto dell'Europa , in chiesa non ci vanno più.

stefano751

Mar, 24/12/2019 - 17:07

Attenzione alle parole che usano i media al servizio dell'anticristo: tradizionalisti usato come termine ad effetto con connotazione offensiva, mentre progressisti è un termine che implicitamente è elogiativo. Meglio dire Vera Chiesa (cattolici legati alla dottrina di Gesù Cristo) e falsa chiesa (quella dell propaganda e lontana dalla vera dottrina cattolica).

Sabino GALLO

Mar, 24/12/2019 - 17:17

Questa è una BELLISSIMA NOTIZIA ! Soprattutto se coinvolge tutta l'America latina ! Anche l'Argentina !

zen39

Mar, 24/12/2019 - 17:22

Ho la vaga impressione che questo ritorno di fiamma per la religione cattolica dia fastidio a molti che speravano di averla fatta fuori, l'oligarchia europea in primis. Le vie del Signore sono infinite cari miscredenti o pseudo atei che in punto di morte chiedete il conforto religioso. I preti e la fede non sono la stessa cosa. Il credente anche se non praticante può rimanere saldo nella fede a prescindere dai preti che sempre hanno fatto credere che senza di loro non c'è salvezza. Simboli religiosi ci sono in tutte le religioni del mondo. Può anche non piacere la loro eccessiva manifestazione ma essi aiutano alla preghiera dei più sprovveduti. Una santa di cui non ricordo il nome disse che chi cerca di capire Dio solo attraverso la mente sta molto,molto tempo in sala d'aspetto prima di essere ricevuto. Buon Natale!

antonellielio

Mar, 24/12/2019 - 17:24

io mi sento anglicano , cattolico, presbiteriano, calvinista, evangelista , protestante ma non stimo Lutero, che anzi lo considero un poco stupido , come del resto lo sono i tedeschi, del resto anche Enrico 8° d'Inghilterra fu un fiero oppositore delle teorie di Lutero e nel 1521 ottenne da Papa Leone X il titolo di Defensor Fidei. Ci vorrebbe un papa Leone XIV , altro che papa Francesco.

Sabino GALLO

Mar, 24/12/2019 - 17:28

E' venuto il momento di difendere la nostra RELIGIONE, LA NOSTRA CHIESA, LA NOSTRA FEDE , LA NOSTRA CIVILTA' ! Da tutti "coloro, vicini e lontani" che cercano di modificarne le caratteristiche ! DOMANI E'NATALE, LA NASCITA DI GESU' !

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 24/12/2019 - 17:46

TFP: Tradizione, Famiglia, Proprietà: perfetto! TRADIZIONE: Religione Cattolica Romana e chiusura totale verso ogni altro culto "falso e bugiardo" come disse il sommo Poeta. Basta con la tolleranza! FAMIGLIA: esiste una sola famiglia, l'unione tra un uomo e un donna, benedetta nel sacro e indissolubile vincolo del matrimonio. PROPRIETA': la proprietà è sacra e inviolabile, basta con il buonismo, libertà di sparare a chi la mette in pericolo. In Sud America hanno recepito e fatta propria l'etica e i principi morali del sovranismo, in Italia metà (META!!!!!!) della popolazione vive ancora nelle tenebre dell'ignoranza. Che tristezza!

venco

Mar, 24/12/2019 - 18:08

cgf 16,08 un ateo com te puo dire quel che gli pare-

Ritratto di RedNet

RedNet

Mar, 24/12/2019 - 18:24

IL VATICANO NON HANNO MAI AIUTATO HANNO SOLO CIECATO GLI OCCHI E LE MENTI DEL POPOLO. LORO SONO I PIU CORROTI DI TUTTI. ALTRO CHE MAFIA, IL VATICANO E' UN CANCRO

Ritratto di gianky53

gianky53

Mar, 24/12/2019 - 18:26

"La tragica parabola di questo Pontificato avanza con un susseguirsi incalzante di colpi di scena. Non c'è giorno che passi: dal trono più elevato il Sommo Pontefice procede allo smantellamento della Sede di Pietro, usando ed abusando della suprema autorità, non per confessare ma per negare; non per confermare ma per fuorviare; non per unire ma per dividere; non per edificare ma per demolire. (mons Carlo Maria Viganò, 19 dicembre 2019)" Non è questione di tradizionalismo, sono le pecore che non riconoscono la voce dei falsi pastori.

antonellielio

Mar, 24/12/2019 - 18:30

la tristezza è tua che non credi in Gesù Cristo , non in chi ha Fede. Buon Natale.

cgf

Mar, 24/12/2019 - 18:59

@Nick2 provi a pensare che la sinistra ci vuole fare accettare chi veramente non accetta visioni di vita diverse, chi veramente sessista al punto di considerarla al massimo un essere inferiore, chi veramente è omofobo e così fanatico che ucciderebbe tutti coloro che non sono convertiti, questo è quello che a SX PRETENDONO di farci passare come CULTURA e quindi non abbiamo nessun diritto di giudicare, ovviamente loro si. Lei fa parte di quella 'cultura'? Se a Vienna o Lepanto fosse andata diversamente, oggi...

steacanessa

Mar, 24/12/2019 - 19:07

“ASSALTANDO”? Ma dove mai? Stanno difendendo il cattolicesimo dall’antipapa.

ziobeppe1951

Mar, 24/12/2019 - 20:46

Nikkione....ma..per voi komunisti ..l’unica chiesa che illumina..non è quella che brucia?.....gli avvinazzati rossi alla guc.cini per intenderci...l’attrazione di massa che il komunismo ha esercitato nel mondo, è un fenomeno mistico-religioso..senza Dio ma una tragica religione atea....

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Mar, 24/12/2019 - 21:01

Nick2 bravo, hai parzialmente ragione, NOI SIAMO DI DESTRA, DISPREZZIAMO bERGOGLIO, E RISPETTIAMO I FRATELLI ORTODOSSI!! NOI SPERIAMO ANCORA IN QUEL VOTO CHE DARÀ LUCE AD UN GOVERNO MELONI/SALVINI. CONTENTO?

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Mar, 24/12/2019 - 21:03

EL SERENA ADESSO PURE GUGLIELMO TELL È FASSISTA?? GRANDE GUGLIELMO DAI CENTRA LA MELA!!!

INGVDI

Mar, 24/12/2019 - 21:32

Non si tratta di cattolici tradizionalisti o di cattolici progressisti. Si tratta di cattolici o di altro. La chiesa bergogliana rappresenta, chiamatelo come volete, altro.

cgf

Gio, 26/12/2019 - 12:01

@venco Mar, 24/12/2019 - 18:08 AMEN cmq anche in questo momento sono in Sudamerica, 07:55 temperatura 16.8 del 26/12 Non ho risposto subito perché assistevo alla "Messa del gallo" preseduta da Francesco e trasmessa in diretta da RAI-Italia, poi dovevo prepararmi per la serata che qui la chiamano la nochebuena. Non solo Brasile, la invito anche andare a Messa a Singapore nella cui Cattedrale cerco di andare ogni volta mi trovo da quelle parti, oppure in Malesia/Indonesia, sapeva che in questi due paesi vi sono ancora parole IMPRONUNCIABILI nella Bibbia locale e solo pronunciarle durante la Messa (sorvegliata) c'è la galera, dove per alcuni non è igienico farsi vedere andare a Messa eppure dovrebbe vedere come partecipano, ma soprattutto come si preparano, non mi riferisco ai vestiti. In sperdute isole del pacifico, hanno la chiesa ma c'è penuria di sacerdoti, eppure ogni domenica "vestiti a festa"...

cgf

Gio, 26/12/2019 - 12:10

...In molte isole vi sono solo qualche centinaia di persone, i trasferimenti sono facile, di tanto in tanto arriva un sacerdote che consacra e lascia ai vari ministri laici preposti il compito condurre la Messa domenicale ***ECCETTO LA CONSACRAZIONE*** per il perdurare della sua assenza. In quello che era il Zaire, incontrai persone che si alzavano all'alba con qualche ora di cammino per partecipare, mi colpì che il solo Gloria fosse non solo cantato, ma anche BALLATO e durato circa 50 minuti. Troppo? A tale proposito si informi perché la tradizione vuole che nella Chiesa Greca Ortodossa la Messa duri non meno di due ore, ma può arrivare anche a quattro. Una volta in vancanza in Italia dovevo affrettarmi la mattina, se fossi arrivato in ritardo di 10 minuti rischiavo che la Messa fosse già quasi finita.

cgf

Gio, 26/12/2019 - 12:12

**i trasferimenti NON sono facili**