La criminalità informatica supera il traffico di droga per guadagno

Ogni tre minuti e mezzo nelle strade di New York si compie un reato. Ogni due minuti e mezzo nelle strade di Tokio si compie un reato. Un’identità online viene rubata ogni tre secondi, questo significa che in un anno ne vengono sottratte quasi 10.512.000

La criminalità informatica supera il traffico di droga per guadagno

Ogni tre minuti e mezzo nelle strade di New York si compie un reato. Ogni due minuti e mezzo nelle strade di Tokio si compie un reato. Un’identità online viene rubata ogni tre secondi, questo significa che in un anno ne vengono sottratte quasi 10.512.000.

Numeri incredibili, spesso però ci dimentichiamo che la criminalità informatica è criminalità vera; ed è più redditizia, assicura un maggiore anonimato ed è più difficile da perseguire dei reati offline. Symantec grazie al sito http://www.everyclickmatters.com spiega agli utenti in maniera diretta e anche, se volete, “divertente” i pericoli a cui vanno incontro e come difendersi.

Perché questa iniziativa? “E’ fondamentale non diventare vittime dei criminali informatici che stanno facendo tanta fortuna online”, ha commentato Con Mallon, EMEA Consumer Product Marketing Director di Symantec Corporation. “Lanciamo questa iniziativa aggressiva perché sappiamo che l’educazione può fare molto per aiutare a capire che il buon senso è un’ottima arma per proteggersi online.”

Appunto, il buon senso. Cosa possiamo fare per difendere i nostri dati online? Oltre a proteggere il nostro computer con un buon antivirus e un antispyware adeguato basta seguire delle semplici regole, per la maggior parte dettate appunto, dal buon senso: fare acquisti online solo su siti “sicuri” (magari usando carte di credito ricaricabili, per stare più tranquilli), non diffondere dati personali riservati in maniera indiscriminata ed evitare il download di software “sconosciuto” che può aprire le porte dei nostri computer a malintenzionati di ogni genere.

Se poi purtroppo ci si accorge che qualcosa non va e che magari abbiamo subito un furto o una truffa basta contattare la polizia postale, anche online all’indirizzo http://www.commissariatodips.it/ sperando di non averne mai bisogno... ;)

Francesco Napoletano | Napolux dello staff di Uni-Fi Srl

Commenti

Grazie per il tuo commento