Abortì per i maltrattamenti, l'ex marito finisce in carcere 11 anni dopo

Una storia di violenza e maltrattamenti all'interno delle mura di casa. L'ex marito dovrà scontare la pena definitiva di tre anni e sette mesi di reclusione

Una storia di violenza e maltrattamenti all'interno delle mura di casa. Una donna, a causa delle botte dell'allora marito, aveva abortito. Ora l'uomo, a distanza di ben 11 anni dalle violenze commesse, è finito in carcere. Le manette per Maurizio G., 47 anni, siciliano, sono scattate in queste ore. L'ex marito dovrà scontare la pena definitiva di tre anni e sette mesi di reclusione.

L'arresto

Dopo una breve indagine, gli uomini della Squadra Mobile di Rovigo hanno individuato l'abitazione ad Adria e hanno arrestato l'uomo, eseguendo l'ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Venezia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.