Accoltellato 42enne in strada davanti a moglie e figlie alla finestra

Ferito da due persone che sono poi fuggite e dopo circa due ore rintracciate dai carabinieri

Accoltellato 42enne in strada davanti a moglie e figlie alla finestra

Un uomo di 42 anni, Carlo Piscitello, è stato accoltellato al fianco ieri sera in via Alcide De Gasperi, a Merate. Due uomini lo hanno aggredito verso le 21,30 di sabato 8 dicembre, per poi fuggire prima dell’arrivo della polizia. La scena è avvenuta sotto gli occhi della moglie e delle tre figlie di 3, 12 e 15 anni. L’agguato è avvenuto poco lontano dall’ospedale San Leopoldo Mandic. Piscitello era a cena con la famiglia e alcuni amici delle figlie, quando si è alzato per scendere in strada a incontrare delle persone. Avrebbe detto ai presenti che sarebbe ritornato a breve, doveva solo risolvere una certa questione e poi sarebbe risalito a casa. Non avrebbe però dato altre spiegazioni in proposito.

Una delle figlie ha detto “abbiamo sentito un colpo, ci siamo tutti affacciati alla finestra e abbiamo visto che si accasciava”. Immediatamente sono stati allertati i soccorsi. Sul posto dell’agguato sono giunti i carabinieri di Merate, l’ambulanza del 118 e un elisoccorso partito da Varese. La vittima è stata trasportata in codice rosso all’ospedale Mandic di Merate. Gli agenti hanno subito dato inizio alle indagini, visionando i filmati delle telecamere di sicurezza presenti nel quartiere. Grazie anche alle testimonianze di alcuni presenti, i colpevoli sono stati rintracciati dopo circa due ore tra Calolziocorte e Olginate. Gli aggressori sono stati portati in caserma per essere interrogati. All’origine dell’agguato potrebbero esserci questioni relative a droga o debiti. In questo caso l’accoltellamento sarebbe un regolamento di conti. Ma solo ulteriori indagini potranno stabilirlo. Importante sarà anche il racconto della vittima. Infatti Piscitello, anche se in gravi condizioni, non sarebbe comunque in pericolo di vita. E appena i medici lo riterranno possibile verrà interrogato dai carabinieri.

Commenti