Acquista droga online e muore: è la prima vittima italiana del U-47700

Il racconto della moglie: "A volte si addormentava in piedi, altre mentre parlava a tavola"

È stata la moglie a trovare Mario sul pavimento di casa quest'estate. L'uomo è morto a causa dell'assunsione di una droga chimica comprata a poco prezzo su Internet. La sostanza non è ancora illegale, si può trovare facilmente sul web e si riceve comodamente per posta via raccomandata.

Come riporta La Stampa, Mario - 42 anni e due figli - è la prima vittima italiana dell'U47700, un oppioide sintetico chiamato "Pink".
Negli Stati Uniti hanno già perso la vita 46 persone a causa di questa sostanza. L'uomo aveva acquistato questa droga pagando in Bitcoin (la moneta virtuale).

Alla tragica vicenda torinese si aggiunge anche il fatto che al Sert - dove l'uomo era seguito - non abbiano riconosciuto l'assunzione della sostanza, dichiarando che nel suo sangue , pochi giorni prima della sua morte, non c'erano tracce nè di eroina nè di altre sostanze.

Ora la procura di Torino ha aperto un'inchiesta per capire come l'informatico sia arrivato alla sostanza. Il 42enne assumeva già delle droghe. La moglie ha riferito che "inalava, sniffava e si drogava per via rettale". Ma sarebbe stata proprio la "Pink" a bruciargli il cervello. "Si addormentava in piedi, è finito in ospedale in preda ad una crisi epilettica". Ma anche lì i medici avrebbero riferito che si trattava solo di un attacco d'ansia.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 20/10/2017 - 12:50

DROGA 1 DROGATI -1 NON CREDO DI DOVER AGGIUMGERE ALTRO, SE TI DROGHI SE SOLO UNO SFIGATO DEL ..... !

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 20/10/2017 - 13:01

La moglie ha riferito che "inalava, sniffava e si drogava per via rettale", che pretendeva, andasse avanti ancora per molto?

franfran

Ven, 20/10/2017 - 13:33

Non mi fa pena per niente!

venco

Ven, 20/10/2017 - 13:47

E si, senza Dio tutto è lecito.

ondalunga

Ven, 20/10/2017 - 14:41

Inalare e sniffare per via rettale la vedo difficile ma per la droga si può fare di tutto. Un genio comunque, non solo per il disprezzo del proprio corpo e della vita in generale ma pure per l' uso di roba chimica comprata su internet...

papik40

Ven, 20/10/2017 - 16:08

Perche' non riesco a non aver ne' dispiacere ne' rammarico per la morte di chi si droga ma quasi un senso di piacere per la comunita' che si trova con un drogato in meno?

routier

Ven, 20/10/2017 - 16:12

Assumere veleni (in qualunque modo) non è mai il massimo per la salute. Affermarlo, sembra una banalità, tuttavia per molti pare debba essere sperimentato. Contenti loro....!

Divoll

Ven, 20/10/2017 - 16:30

Se posso essere del tutto onesto, non mi dispiace neanche un po' per chi si droga. Mens bacata in corpore insano. Good riddance, direbbero gli inglesi. Ma gli spacciatori sono tra i criminali peggiori e il presidente delle Filippine li tratta nell'unico modo che meritano.

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Ven, 20/10/2017 - 18:16

Viene venduta sul Dark Web.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Ven, 20/10/2017 - 23:01

per via rettale ? non l'avevo mai sentito !