Nuovo studio sulla Sindone: "Macchie di vero sangue"

Un altro studio sulla Sindone conferma la veridicità delle macchie di sangue: sono rosse, come quello di un torturato. Solo in due casi, infatti, il sangue rappreso non diventerebbe marrone. Tra questi, quello in cui sia riconducibile a una persona costretta a subire torture

La Sindone di nuovo oggetto di studio. La storica querelle sulla veridicità delle macchie di sangue era tornata d'attualità, ancora una volta, circa quindici giorni fa, quando erano emersi i risultati della ricerca di due studiosi italiani.

"Le macchie di sangue sulla Sindone di Torino sono false. A parte quelle in corrispondenza delle mani, che possono essere verosimili, le altre sembrano più frutto di pennellate artistiche". A sostenerlo, per il tramite di uno studio pubblicato sul Journal of Forensic Sciences, erano stati Luigi Garlaschelli, che è un chimico del Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze e l'antopologo Matteo Borrini, che insegna in un'Università britannica.

La questione non era passata inosservata, tanto da essere riportata dalla maggior parte dei quotidiani del belpaese. Nello studio in questione, in sostanza, veniva messo in discussione il collocamento delle macchie presenti sul sacro lenzuolo conservato all'interno del duomo di Torino. "Le nostre prove su un manichino - avevano sottolineato i due - dimostrano che in questo caso il sangue si accumulerebbe nella regione della scapola senza arrivare alla regione dei reni". Una certa artificiosità, insomma, sarebbe dimostrabile per via del posizionamento.

"Grazie all'analisi degli schizzi di sangue - aveva dichiarato Garlaschelli all'Agi - abbiamo dimostrato che la quasi totalità delle macchie sulla Sindone non sono compatibili con nessuna posizione di un corpo umano, nè crocifisso e nè supino nel sepolcro". Lo studio di cui si legge su Vatican Insider, invece, non è basato tanto sulla collocazione quanto sul colore delle macchie. Un ulteriore articolo, questa volta comparso su Applied Optics, sarebbe in grado di rispondere a una "una delle obiezioni dei detrattori del Telo che avrebbe avvolto Gesù, quella secondo cui è senso comune che, una volta rappreso, diventi marrone".

Un fenomeno che sarebbe possibile solo in due casi: quello in cui il sangue sia appartenuto a una persona torturata e quello nel quale sia riconducibile a un malato di ittero. "Noi l’abbiamo verificata, e dimostriamo - ha scandito Paolo Di Lazzaro, che è il vicedirettore del Centro Internazionale di Sindonologia - che le macchie sono di vero sangue, c’è emoglobina antica, e non ocra o altro, mentre c’è chi, come il Cicap, continua a sostenere il contrario". I ricercatori, ovviamente, hanno preso in considerazione il caso di un malato.

Ci sarebbe una ragione precisa, quindi, dietro al colore rosso delle macchie riscontrabili sul lenzuolo più discusso della storia dell'umanità.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

GioZ

Lun, 06/08/2018 - 16:45

Siamo al feticismo puro. Ma davvero un credente ha bisogno di queste storie?

LupoSol

Lun, 06/08/2018 - 16:48

Non c'è bisogno di scomodare nessuno scienziato o chimico per dimostrare che la Sindone è un palese falso. Basta leggere i Vangeli. Giovanni 20:6,7 dice: "Poi dietro di lui arrivò anche Simon Pietro, il quale entrò nella tomba e vide LE BENDE di lino per terra. 7 Il PANNO che era stato sulla testa di Gesù non era con le altre bende, ma stava da un’altra parte, arrotolato." Gesù non fu MAI avvolto in un lenzuolo unico ma in panni e bende separati. Fine della storia.

cgf

Lun, 06/08/2018 - 17:36

@LupoSol potrebbe dirmi quale parola greca è stata tradotta con PANNO? Ho controllato le versioni Italiane della CEI, Riveduta e Nuova Riveduta, Diodati e Nuova Diodati, Bibbia della Gioia e non ho trovato PANNO. riguardo al sudariO, uno solo, lo sa perché ci viene riportato che è stato trovato da una parte piegato? C'è un suo perché, gli evangelisti, soprattutto Giovanni, non hanno mai messo particolari a caso nel proprio vangelo. Oggi piegare il 'sudario' ed andarsene ha il significato opposto, a dire il vero usarlo come 'sudario' nel senso stretto del termine, sarebbe maleducazione.