Aereo scomparso, trovati nuovi oggetti nell'Oceano

Il satellite cinese ha fotografato quelli che sembrano i resti del Boeing 777. Il governo malese: "Verificheremo con le navi"

Aereo scomparso, trovati nuovi oggetti nell'Oceano

Spuntano nuove immagini dei presunti rottami del Boeing 777 della Malaysia Airlines disperso da due settimane. Questa volta sarebbero state catturate da un satellite cinese che ha avvistato un oggetto di grandi dimensioni tra l'Indonesia e l'Oceano Indiano meridionale, proprio dove i funzionari sperano di trovare i resti del velivolo.

"L’ambasciatore della Cina (a Kuala Lumpur) ha ricevuto immagini satellitari di oggetti galleggianti nel corridoio sud. Saranno inviate navi per verificare", ha detto il ministro dei Trasporti malese, Hishammuddin Hussein. La foto è stata diffusa solo oggi da Pechino, ma è stata scattata il 18 marzo. Mostra un oggetto lungo 22 metri e largo 13. Importanti risorse aeree e navali sono state impegnate nelle ricerche per il recupero di questi oggetti in una vasta area di 26.000 km2, a 2.500 km a sud-ovest della città australiana di Perth, ma finora senza alcun risultato concreto. Due corridoi di ricerca sono stati delineati dalle proiezioni satellitari, uno a nord verso l'Asia centrale, l'altro che si estende a sud nell'Oceano Indiano. La maggior parte degli esperti privilegia il corridoio meridionale, ipotizzando che l'aereo non potesse volare ad esempio verso la Cina o le repubbliche ex sovietiche senza essere rilevato.

Intanto protestano i parenti del volo MH370 dopo che i funzionari del governo malese hanno incontato quelldi i Malaysia Airlines. I familiari hanno urlato contro i funzionari frasi come "Vogliamo sapere la verità" e "Ridateci indietro i nostri cari". "Crediamo di essere stati presi in giro, mantenuti all'oscuro e di aver ascoltato bugie dal governo malese", precisano in una nota. Hussein ha chiesto a "tutte le parti di essere comprensive in questo periodo straordinario e difficile" in cui le autorità "fanno tutto quanto in loro potere" per mantenere informate le famiglie.

Commenti