Alessandria, abusava del figlio durante gli incontri in comunità: arrestato

Un panettiere di Alessandria, già denunciato per molestie sessuali sul figlio di 5 anni, continuava ad abusare del bimbo durante gli incontri in comunità

Un panettiere di Alessandria è stato arrestato per aver abusato sessualmente del figlio di 5 anni: le violenze sessuali erano continuate anche dopo l'allontanamento del piccolo, durante gli incontri in comunità protetta.

L'uomo continuava ad abusare di suo figlio di 5 anni, nonostante fosse già stato allontanato dalla moglie e dal bambino, e gli operatori sociali stessero verificando da poche settimane la possibilità di ricomporre un rapporto familiare. È finito così in manette un panettiere di 31 anni residente in provincia di Alessandria.

La vicenda

La vicenda, ricostruita dal Fatto Quotidiano, è iniziata un anno fa, quando l'uomo era stato denunciato per violenza sessuale dalla moglie. Il piccolo, infatti, si era confidato con la mamma e le aveva raccontato delle molestie sessuali che subiva dal papà.

La mamma e il bambino sono stati allontanati e ospitati in una comunità protetta e all’uomo era stato proibito qualsiasi contatto con il figlio. Le accuse, però, non avevano trovato riscontri consistenti.

Così alcune settimane fa, sono stati nuovamente autorizzati incontri di poche ore all'interno della comunità tra il padre e il figlio, allo scopo di verificare la possibilità di instaurare un nuovo e sano rapporto familiare.

Dopo un paio di visite, però, il bambino ha di nuovo raccontato alla madre delle molestie sessuali che subiva dal padre. Allora sono scattati degli ulteriori accertamenti che hanno portato i carabinieri a beccare il 31enne in flagranza di reato durante un incontro protetto, concordato con magistratura, assistenti sociali e la madre del piccolo.

Colto sul fatto, il panettiere ha finalmente ammesso le proprie responsabilità ed è stato arrestato. Al momento è detenuto nel carcere di Alessandria.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

roberto.morici

Lun, 28/08/2017 - 19:51

Non sarebbe difficile ipotizzare cosa succederebbe a tanto padre se la notizia di certe sue "inclinazioni" venisse fatta trapelare fra i detenuti del carcere di Alessandria.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 29/08/2017 - 10:00

Alla faccia degli incontri protetti? Concordo con roberto.morici, far sapere chi è quel soggetto, il resto vien da sé. Anzi aggiungo che sarebbe ora che le foto di pedofili, stupratori e via cantando, una volta appurata la colpa, siano rese pubbliche perché tutti sappiano chi sono quelle bestie, anche per il futuro.