"Antonio lotta per non morire". Il padre della fidanzata: "Condizioni molto gravi"

Il giovane giornalista italiano sarebbe stato raggiunto da un proiettile alla base del cranio, molto vicino al midollo spinale

"Antonio lotta per non morire". Il padre della fidanzata: "Condizioni molto gravi"

"Antonio sta lottando per non morire". Le condizioni del giovane italiano coinvolto nella sparatoria di Strasburgo, Antonio Megalizzi, sarebbero molto gravi. A riferirlo in un colloquio con Repubblica è Danilo Moresco, padre di Luana, la fidanzata del giornalista 28enne. Lo stesso Moresco ha poi detto all'agenzia Agi: "Antonio è in coma, è gravissimo. Non è stato operato perchè in questo momento i medici non se la sentono di intervenire".

"Un proiettile - spiega Moresco - lo ha raggiunto alla base del cranio ed è ancora conficcato molto vicino al midollo spinale. E' una posizione delicatissima, Antonio è molto grave e i medici non sanno se e in quali condizioni potrà sopravvivere".

Danilo Moresco è un ristoratore molto conosciuto a Trento, la città dove la famiglia Megalizzi vive dagli anni '90. La fidanzata di Antonio, Luana Moresco, è impegnata in politica e si era candidata con Forza Italia alle elezioni provinciali dello scorso ottobre. Proprio Luana è partita già ieri notte per Strasburgo insieme ai genitori e alla sorella di Antonio, e ora anche i coniugi Moresco sono in viaggio verso la città francese.

Nel racconto di Danilo Moresco c'è anche la ricostruzione delle drammatiche ore di ieri notte. "Luana ha sentito le notizie in tv, ha chiamato Antonio ma lui no rispondeva. Allora ha contattato i suoi amici e le hanno detto che non riuscivano a trovarlo". Poi le prime informazioni: "Verso le 23.30 la Farnesina ci ha detto che il ragazzo era in ospedale, ferito lievemente. Poco dopo i funzionari degli Esteri hanno corretto, dicendo che Antonio era grave. Mia figlia si è messa in viaggio con la famiglia. Sono arrivati questa mattina e mia figlia ci ha fatto capire che le condizioni di Antonio sono molto gravi".

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento