App Immuni, polemiche per le icone sessiste

Politici di diverso schieramento giudicano le immagini della app Immuni, una donna con un neonato in braccio e un uomo al computer, fuori dal tempo

Polemiche sull’app Immuni, strumento tecnologico per controllare la presenza e la diffusione del coronavirus in Italia. Questa volta, però, la disputa non è legata a questioni di privacy quanto alle icone. Nei disegni, infatti, sono rappresentati i due generi nell'ambito domestico: l'uomo è impegnato a computer mentre la donna ha un neonato in braccio.

Le raffigurazioni hanno fatto gridare allo scandalo e alla discriminazione il mondo della politica. "Come è possibile che l'immagine della donna nel 2020 sia ancora legata, anche all'interno delle istituzioni, agli stereotipi più logori e abusati? La vicenda dell'app non va minimizzata perché è sintomo di qualcosa di grave e profondo", ha scritto su Twitter Andrea Orlando, vice segretario Pd.

"È doveroso chiedere una modifica sull'immagine stereotipata dell'app Immuni a Pisano, perchè nessuno aveva controllato prima?", è il messaggio postato su Facebook dalla deputata di Italia Viva Giusy Occhionero. "L'immagine stereotipata della donna raffigurata dalla App immuni rappresenta davvero un brutto scivolone che nasconde una mentalità inaccettabile ancora dentro alle istituzioni". "Viene da chiedersi – ha spiegato ancora la parlamentare- come sia stato possibile che nessuno abbia controllato, a tutti i livelli, prima di dare il via libera ad una simile operazione. Non se ne era accorto nessuno?". La Occhionero ha definito "doveroso il tempestivo intervento della ministra delle Pari opportunità Elena Bonetti, che ha chiesto subito alla titolare dell'operazione, la ministra dell'Innovazione tecnologica Paola Pisano, di intervenire per eliminare un tale errore".

Altrettanto polemica è Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e deputata di Forza Italia, che ha affermato come "le icone dell'app Immuni raffigurano i due generi nell'ambito domestico in modo discriminatorio: mentre l'uomo è impegnato, connesso, smartworker, la donna è solo madre con il pollice verde che cresce figli e piante. Mentre lui fa il medico, lei ha il Covid. Stereotipi offensivi ma, soprattutto, significativi di una concezione irreale e antieconomica delle donne italiane, che di sicuro crescono figli e piante ma sono anche lavoratrici o avrebbero diritto di esserlo".

"Noi badiamo all'essenziale- ha continuato l’esponente azzurra- e sappiamo che gli stereotipi si combattono con provvedimenti concreti. Ecco perchè abbiamo preparato un emendamento al dl rilancio, prima firma Carfagna, per una tassazione differenziata dei redditi di lavoro dipendente e autonomo tra donne e uomini. Proponiamo una riduzione di 3 punti delle prime 3 aliquote IRPEF, fino cioè ai redditi di 55mila euro. In questo modo le le aliquote passerebbero da 23, 27 e 38% a 20, 24 e 35% per la parte relativa al reddito da lavoro delle donne. Il compianto economista Alberto Alesina, insieme ad Andrea Ichino, aveva a lungo studiato questa ipotesi, considerandola la più efficace per far emergere occupazione femminile, per una più equa distribuzione del lavoro domestico e di cura e una spinta verso la parità salariale".

Dopo le parole di fuoco dei rappresentati politici, nella home page della app si nota un radicale cambiamento. Ora è la donna è al computer per lavorare mentre l'uomo si dedica al neonato tenendolo in braccio.

Polemiche a parte, la app Immuni è già stata scaricata da centinaia di migliaia di persone. "Dopo 24 ore abbiamo già avuto 500mila download, questo significa che l'applicazione è stata apprezzata nella sua semplicità e i cittadini ne hanno capito l'utilità", ha affermato il ministro per l'Innovazione Paola Pisano al Tg1. "Ad oggi - ha aggiunto - siamo il primo grande Paese in Europa ad utilizzare una tecnologia del genere per il contrasto del coronavirus, siamo tra i primi paesi al mondo. L'applicazione è stata sviluppata nel pieno rispetto della privacy della normativa italiana ed europea".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Mer, 03/06/2020 - 14:08

hanno semplicemente rappresentato la MAGGIORANZA e la MAGGIORANZA in DEMOCRAZIA… come mai le "minoranze" non sono mai ascoltate, anzi la parola democrazia è sempre ricorrente, quando è maggioranza…

agosvac

Mer, 03/06/2020 - 14:22

Non so se sia sessista oppure no, ma questa app è la cosa più stupida mai fatta finora. Infatti si basa solo sulla sintomalogia, che, tra l'altro, non c'è neanche più. Sarebbe stata inutile anche a Marzo, ma oggi è semplicemente stupida.

ulio1974

Mer, 03/06/2020 - 14:22

polemiche inutili. se chiedo a mia figlia di 6 anni cosa fa il papà risponde "lavora" e la mamma "Riordina la casa e si occupa di me". Premesso che preferirei fare ciò che fa mia moglie, trovo assolutamente inutile queste polemiche.

Ritratto di moshe

moshe

Mer, 03/06/2020 - 14:40

Questi politici di diverso schieramento che giudicano le immagini della app Immuni, devono essere dediti ad onanismi celebrali !

sullarivadelfiume

Mer, 03/06/2020 - 14:46

Le marionette del politicamente corretto si sono fatte sgamare subito; sono andate a sottomettersi di corsa alla app che scheda le capre ubbidienti, e nel frattempo ci ammorbano con le solite fesserie che vorrebbero, nella loro intenzione, lasciare a intendere che loro no, mica sono solo delle fantocce ubbidienti, guarda guarda come sono trasgressive e sovvertitrici degli stereotipi di genere!!!

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Mer, 03/06/2020 - 14:51

@agosvac: scusa, ma non mi sembra che la tua descrizione della app immuni sia corretta. Non si basa sulla sintomatologia (dove lo hai letto?), ma serve solo per ricordare i contatti nell'arco di 15 giorni tra le persone che hanno immuni installata. Se poi una di queste persone scopre di essere malata di covid, c'è la possibilità di fare partire un messaggio verso tutte le persone che sono state vicine in modo che valutino la possibilità di farsi fare un tampone. Riguardo alla polemica sul sessismo, mi sembra una scemenza, se si guarda la pubblicità delle merendine ci sono gli stessi stereotipi e nessuno se ne preoccupa.

Divoll

Mer, 03/06/2020 - 14:57

Si attaccano alla grafica, questi imbecilli, e non alla sostanza. La App se la possono tenere.

Divoll

Mer, 03/06/2020 - 14:58

Eh, gia', fuori dal tempo. Quante donne vediamo, ormai, con un neonato in braccio (a meno che non siano diversamente bianche)?

Ritratto di Adespota

Adespota

Mer, 03/06/2020 - 15:03

Problemi serissimi e sconvolgenti su cui concentrare l'attenzione politica...

bongide

Mer, 03/06/2020 - 15:28

Così per curiosità mia....sono andato in play store per cercare la nuova App. Ebbene, per poterla installare devi avere almeno android 6.0 e play store services 20.18.13....tranne Huawei...Ah ah...Io ho android 7.0 e play 20.18.17 ma mi dice che non è compatibile. Punto evito di scaricare! Allora mi sovviene...invece che pensare alle solite sciocchezze sessiste, se è ritenuta veramente utile, non era meglio che fosse installabile da tutti e non solo dal 60% dei cellulari? O forse è sottinteso che i pecoroni italioti per potersi conformare debbano utilizzare i 600 euro di carità per acquistare un nuovo cellulare? Sono basito!

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 03/06/2020 - 15:34

Ma se qualcuno, in vena di giocare, scarica la app sul proprio dispositivo, ed indica alla app di essere positivo anche se è negativo... e poi se ne va in giro in metropolitina, autobus, treno, negozi ecc ecc... Tutte le app che entreranno in contatto con quella indicheranno a loro volta di essere entrari in contatto con un positivo o no? E quindi? E se anzichè farlo una sola persona il giochetto, lo facessero un gruppo di amici in compagnia e poi ognuno se ne andasse in giro? Ci hanno pensato gli ideatori?

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 03/06/2020 - 15:53

Per fortuna ho un Nokia molto vecchio, tuttalpiù lo posso usare per ricevere telefonate, e per (poche volte) chiamare.

maurizio@rbbox.de

Mer, 03/06/2020 - 15:58

Hahaha sono nel film sbagliato ! Sembra uno show di Andy Kaufmann.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Mer, 03/06/2020 - 15:58

@loudness: nella app non puoi indicare se sei positivo o negativo. Nella app non è possibile indicare niente, a parte la provincia di residenza.

Ritratto di Leonardo78

Leonardo78

Mer, 03/06/2020 - 16:03

Del resto per qualcuno queste sono le priorità.

Ritratto di Leonardo78

Leonardo78

Mer, 03/06/2020 - 16:05

Evidenzierei altro fatto gravissimo: l'uomo è grasso in entrambe le rappresentazioni: è body shaming.

polonio210

Mer, 03/06/2020 - 16:07

A pensare male si fa peccato,ma a volte ci si azzecca.Questa mattina ho spento il mio Samsung ed ho tolto la sim e sono passato ad un vecchio cellulare Brondi con una nuova sim.Non riceverò più i demenziali filmatini divertenti?Meglio.Non sarò più in contatto su Facebook,ed altre piattaforme simili,con degli emeriti sconosciuti che mi chiedono l'amicizia?Meglio.Non verrò più importunato da logorroiche persone in qualche chat?Meglio.Finalmente sono tornato ad usare il cellulare per la funzione per cui è nato:fare e ricevere telefonate dalle persone a cui ho dato il mio numero.E,cosa più importante di tutte,questo vecchio cellulare non ha nessuna possibilità di istallare qualsivoglia App.tantomeno IMMUNI.Per quanto riguarda le icone "sessiste" è la solita demenziale mania della sx...poveretti compatiamoli.

Giorgio Colomba

Mer, 03/06/2020 - 16:14

Più inopportuno dell'App c'è solo questo trasversale rigurgito di paleofemminismo degno di peggior causa.

Ritratto di beatoangelico

beatoangelico

Mer, 03/06/2020 - 16:38

Bisogna proprio nutrire sentimenti di odio verso il maschio, le madri e la famiglia per considerare discriminatoria la rappresentazione della donna nel suo insostituibile ruolo, cioè quello di madre che si prende cura della propria prole. Ma chi vuole la distruzione della società, per facilitare il proprio controllo su individui sradicati, ha pensato al lavoro femminile come prima e basilare ideologia da inculcare nelle menti. E guarda caso PD e sinistra sono i promotori. Quando si dice stare alla sinistra....

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 03/06/2020 - 16:41

mamma mia ragazzi ma non hanno niente di meglio da fare che guardare ste cavolate????

barbarablu

Mer, 03/06/2020 - 16:42

la boldrina dov'è?

barbarablu

Mer, 03/06/2020 - 16:46

@loudness... a parte tutti i dubbi sulla legalità di questa app, anche io mi sono domandata questo! immaginate anche solo la bravata di qualche ragazzino.. non voglio pensare ad un attacco voluto... ci rinchiudono di nuovo per tre mesi? con quali conseguenze? se non vengono gestite dal servizio sanitario non hanno senso! ed in questo caso come la mettiamo con la privacy dei dati sanitari art 9 del gdpr?

agosvac

Mer, 03/06/2020 - 16:59

Egregio mariopp ma che senso avrebbe sapere quali contatti si sono avuti in 15 giorni???

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Mer, 03/06/2020 - 17:06

Alla fine vedremo quanti la scaricheranno. Intanto ieri ho visto per la prima volta una pubblicità del ministero della salute (mi sembra) che in pratica fa terrorismo psicologico visualizzando il contagio del covid come se fosse una specie di alone che scaturisce dalle persone. Sostanzialmente hanno fatto copia incolla dalla pubblicità dell'aids di tanti anni fa. Aiuto, tutti con l'alone viola attorno.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Mer, 03/06/2020 - 17:06

@barbarablu: la app non conserva nessun dato sanitario. Anche volendo non puoi inserire nella app nessuna indicazione che ti riguarda, tanto meno la positività al covid. Per motivo che mi sfuggono la app chiede solo la provincia di residenza.

Savoiardo

Mer, 03/06/2020 - 17:47

Una donna con il Bambino in braccio e' la piu' bella immagine del genere femminile.Sessista se fosse stata raffigurata semplicemente a letto magari scosciata.Cafoncelli.

Cheyenne

Mer, 03/06/2020 - 18:05

LA DEMENZIALITA' IN ITALIA ORMAI E' A LIVELLI STRATOSFERICI

Ritratto di saròfranco

saròfranco

Mer, 03/06/2020 - 18:51

Non è che la nuova home page, con una donna al computer (che magari si sollazza coi videogiochi) ed un uomo che "spupazza la creatura", risulterà inaccettabile per gli islamici?

Darth

Mer, 03/06/2020 - 19:26

Ma è una fake news o c'è davvero chi, con tutti i problemi legati all'app, si preoccupa di questo?...

MOSTARDELLIS

Mer, 03/06/2020 - 19:29

Scusate il linguaggio: ma che palle......ormai ogni cosa nella vita deve essere interpretata e verificata se è omofobia, razzista, di destra,...ufffffffaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Dordolio

Mer, 03/06/2020 - 19:53

Giusta la correzione! E io non sono ancora soddisfatto e voglio di più: l'uomo che allatta.....

Gioviale

Mer, 03/06/2020 - 20:14

Che scandalo increscioso! Davvero, con la mano sul cuore! Eh si che li/le capisco, le bacchettone /i bacchettoni. E COME E' STATO POSSIIBILEEE, che nessuno abbia controllato...; ...NOI BADIAMO ALL' ESSENZIALE... Eh certo, avete quella marcia in più, quella capacità di vedere al di là. Soprattutto avete: il senso delle cose, della scala di importanza tra le cose. E grazie, davvero e con la mano sul cuore, di capire quanto preferiamo fare cavalluccio sulle ginocchia di papà che venir nutriti, quasi soffocando, da mamma che invece ci dovrebbe preparare alla caccia.... Ciononostante, vi prego (ovviamente davvero): NON BADATE ALL' ESSENZIALE, per favore no! Infatti: c'è di peggio del Corona.

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 04/06/2020 - 10:07

Ma quesi personaggi hanno avuto genitori che si alzavano al mattino presto o tate poi mamma che va a giocare a carte nel circolo privato e il papa va in banca /parlamento?

Italy4ever

Gio, 04/06/2020 - 10:08

Sono donna e non trovo che si sia nulla di sessista. E' tanto bello vedere una mamma con il proprio bimbo in braccio!!! Però... Adesso si scatenerà la comunità LGBTQ che non si vedrà rappresentata e troverà ancor più discriminante le icone!

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Gio, 04/06/2020 - 10:12

@agosvac: se ti senti male e scoprono che hai il covid, in ospedale ti chiedono con chi sei venuto a contatto. Puoi citare i familiari o chi ti ricordi. Se hai la app puoi anche dare all'ospedale un codice, che ti viene fornito dalla app, che permette di inviare (non da te, da parte dell'ospedale) un messaggio a chi ti è stato vicino. In questo modo dovrebbe essere possibile avvisare le persone a rischio ed evitare nuovi focolai.

attilaunnoita

Gio, 04/06/2020 - 10:12

@Mariopp Mer, 03/06/2020 - 17:06: Se pensi al fatto che la APP Immuni possa servire al tracciamento degli incontri fra cittadini allo scopo di limitarne la libertà non dovrebbe stupirti che ti chiedano solo la provincia di residenza: in fondo non devono farti pensare che non gli serve nulla perché hanno già tutto. SEGUE....

cecco61

Gio, 04/06/2020 - 10:12

Come diceva Einstein l'unica cosa sicuramente infinita è la stupidità umana. Al di là del fatto che il maschietto, al computer, è molto probabilmente impegnato in un videogame o sta guardando un sito a luci rosse, quale futuro ci attende se i politici trovano "degradante" e "sessista" una mamma che accudisce il suo pargolo? Meglio trattarli come soprammobili, si fanno o si comprano perché fa figo ma poi si abbandonano a babysitters varie perché rompono pure gli zebedei.

attilaunnoita

Gio, 04/06/2020 - 10:16

Mer, 03/06/2020 - 17:06 SEGUITO: Infatti la tua scheda SIM ti viene rilasciata dopo che tu hai fornito tue generalità e codice fiscale. Il codice IMEI del telefono viene associato alla SIM appena ti registri sulla rete e poi è memorizzata. Tu sei comunque geolocalizzato dalla rete anche a GPS spento ed anche a TELEFONO spento. Probabilmente il richiamo al bluetooth è accessorio se non falso (come usare il Bluetooth senza pairing?). SEGUE...

attilaunnoita

Gio, 04/06/2020 - 10:22

Mer, 03/06/2020 - 17:06 SEGUITO: In definitiva, gli aspetti sanitari non hanno nessuna rilevanza: La APP può servire egregiamente per impedirti di incontrare qualcuno e per sapere sempre dove sei e con chi. Tutto ciò è uno strumento fondamentale per controllare le persone ed instaurare una dittatura anche senza che nessuno se ne accorga. Anzi, tutti gli utenti penseranno di essere protetti da questa APP che, invece, può facilmente essere usata a loro danno. Il pubblico normale non riesce neanche ad immaginare quanto possa essere facile inviare un Drone, una pattuglia di polizia o qualsiasi altra cosa per evitare che due persone sgradite si possano contattare e parlare. Una volta si chiamava libertà di associazione e di parola. Oggi si prospetta che tu vada solo dove voglio io e ti incontri solo con chi voglio io (magari con chi ti ho mandato io).....

ulio1974

Gio, 04/06/2020 - 10:27

Loudness 15:34: ehehehh, che bello scherzetto da mattacchioni..... ma pensa se uno è positivo e non lo segnala....scherzo ancora più drammatico! è vero, è una app degna di questo governo.

ulio1974

Gio, 04/06/2020 - 10:27

barbarablu 16:42: è stata avvistata in spiaggia...

roberto67

Gio, 04/06/2020 - 10:28

Se i problemi dell'app sono questi significa che è molto vicina alla perfezione. Chi la critica evidentemente non riesce a trovare appigli migliori.

ulio1974

Gio, 04/06/2020 - 10:33

e perchè sono entrambi giovani??? Non hanno pensato a rappresentare anche gli anziani, tra l'altro parte maggioritaria della popolazioni italiota???

Ritratto di Arminius

Arminius

Gio, 04/06/2020 - 10:41

Ci vuole una app che avvisi il cittadino quando si trova nei pressi di un politico perché faccia in tempo ad evitarlo. Quello è il virus che dobbiamo evitare! Parola di libertario.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Gio, 04/06/2020 - 10:51

@attilaunnoita: nel tuo post c'è solo una imprecisione, il bluetooth si può usare senza fare il pairing, per il resto capisco le preoccupazioni. Vedi tu, sia la app sia il telefonino sono aggeggi facoltativi, se ti da disagio temere di essere controllato non installare questa e altre app e valuta se usare il telefonino fuori casa.

baio57

Gio, 04/06/2020 - 11:02

Il prossimo passo sarà il riconoscimento facciale,come già attuato in Cina nella provincia dello Xinjang dove la minoranza Uiguri è soggetta a controlli repressivi mediante un massiccio sistema di sorveglianza e identificazione.Lijop è una piattaformaper raccogliere informazioni e dati personali catturati dalle telecamere a riconoscimento facciale,che vengono poi mappati e classificati con gruppo sanguigno,patologie,abitudini,la professione e livello d'educazione . Fantasie ? Sarà.

Pino-59

Gio, 04/06/2020 - 13:16

E della porposta della Carfagna nessuno dice niente? Tassare gli uomini più delle donne è uno schifo incostituzionale, le femministe di Forza Italia di sono allineate con le femministe della sinistra a caccia di privilegi. Gli uomini, come al solito, subiscono in silenzio. A cominciare da Berlusconi, che ha avuto la brillante idea di portare la Carfagna in politica.