Australia, bimba con tumore in fase terminale guarisce. I medici: "Un miracolo"

Milli Lucas, una bimba australiana, è riuscita a combattare una rara forma di tumore al cervello. I medici le avevano dato pochi mesi di vita

Una storia a lieto fine. È quella di Milli Lucas, una bimba australiana di Perth a cui avevano diagnosticato un tumore al cervello in fase terminale. La piccola ha 12 anni e soffre da tempo della sindrome di Li-Fraumeni, una malattia molto rara trasmessa da un gene localizzato su un cromosoma autosomico che consiste in una marcata predisposizione allo sviluppo di particolari tipi di tumore.

Come riporta Il Messaggero, quando a Milli è stato scoperto il cancro i medici le hanno dato pochi mesi di vita. La bimba, però, è riuscita a guarire in modo inaspettato dopo un'operazione complicata e una lunga terapia. In questo percorso di guarigione ha avuto un ruolo fondmentale il medico Charlie Teo. Stando a quanto riportato, lo specialista è riuscito a rimuovere il 98% della massa tumorale. Dopo l'operazione che ha avuto luogo in giugno, la piccola è stata trasferita in una clinica in Germania per continuare le cure.

Nonostante le previsioni a dir poco scoraggianti, la 12enne è riuscita a sconfiggere il cancro devastante e a tornare a scuola. Anche il rischio di rimanere paralizzata è stato evitato e ora i genitori possono finalmente tirare un sospiro di sollievo. "Siamo in estasi perché la nostra Milli è tornata a scuola con sua sorella, è tanto felice" hanno scritto sul loro profilo Facebook. La piccola ha anche recuperato l’uso delle gambe e presto toccherà al suo braccio destro.

"Grazie Charlie Teo, se avessimo ascoltato i dottori australiani, il miracolo non sarebbe stato possibile e avrei perso la mia bambina", ha aggiunto la madre della piccola sul social.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.