Bambino di nove mesi beve candeggina: tragedia sfiorata

Avrebbe bevuto pochissimo liquido, non è stata quindi necessaria la lavanda gastrica. Si è avvicinato al barattolo mentre stava gattonando

Attimi di paura a Codogno dove un bambino di nove mesi ha rischiato la vita bevendo un sorso di candeggina. Il piccolo stava gattonando sul pavimento quando si è avvicinato al barattolo. Trasportato in elisoccorso all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, sarebbe fuori pericolo. Come riportato da ilGiorno, la sfiorata tragedia è avvenuta ieri mattina, martedì 1 ottobre, vicino a via De Amicis a Codogno, paese in provincia di Lodi.

Secondo quanto ricostruito il bambino, nato in Italia ma di origini africane, si trovava in casa con la mamma. Mentre la donna era impegnata al telefono in una conversazione, il piccolo si sarebbe avvicinato gatton gattoni a un contenitore di candeggina. Avrebbe quindi cercato di berne il contenuto. Fortunatamente però la madre si sarebbe accorta quasi subito e avrebbe allontanato subito il figlio, che ha quindi ingerito pochissimo liquido. Immediatamente la donna ha chiamato il 118 e intanto si è recata in auto all’ospedale.

Dalle prime informazioni, il bambino non avrebbe mai perso i sensi, né vomitato. Non si sarebbe quindi reso necessario sottoporre il piccolo paziente alla lavanda gastrica. Il personale sanitario ha comunque preferito non correre rischi e allertare il centro antiveleni di Pavia. Il bimbo è poi stato trasportato in elisoccorso all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo dove sono stati fatti ulteriori esame clinici. Sarebbe fuori pericolo, ma resterà ancora qualche giorno in osservazione presso la struttura ospedaliera.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.