Bari, in arrivo da Lampedusa nave quarantena con 800 migranti

L'onorevole della Lega, Rossano Sasso: "Ci sono anche tunisini da espellere, perché portarli in Puglia?". Rosario Costanza di Forza Italia: "Saremo invasi"

Una nave carica di migranti è in viaggio in queste ore da Lampedusa verso il porto di Bari. Si tratta della "Rhapsody", la nave della compagnia di navigazione italiana "Gnv" ("Grandi navi veloci") messa a disposizione dal Governo di Conte per ospitare i migranti appena sbarcati in Italia e che devono rispettare la quarantena.

A darne notizia, in una nota stampa, sono stati i deputati pugliesi della Lega, Anna Rita Tateo e Rossano Sasso che si pongono tanti interrogativi. Il primo fra tutti è "dove saranno collocate queste ottocento persone?". "Sicuramente, in un secondo momento, saranno smistate su tutto il territorio nazionale, negli Sprar e nei centri di accoglienza - spiega l'onorevole Sasso a ilGiornale.it - ma non sappiamo dove verranno sistemati appena arriveranno in Puglia".

Il dettaglio non da poco che i parlamentari pugliesi hanno, inoltre, sottolineato è che a bordo della Rhapsody, oltre a minori e nuclei famigliari, "ci sono anche circa trecento tunisini che dovranno essere espulsi dall'Italia". "Perché portarli in Puglia e non mandarli a casa direttamente da Lampedusa? Non è un ulteriore dispendio di soldi?" specifica, ancora, al telefono Sasso.

Quello che non sanno in Puglia è, inoltre, se ci sono immigrati positivi al Coronavirus a bordo della "Rhapsody", altro interrogativo di Sasso e Tateo. "Sono cinquantadue" risponde con fermezza Rosario Costanza, segretario provinciale di Forza Italia a Lampedusa.

Tra l'altro, secondo quanto ci dichiara Costanza le condizioni in cui sono costretti a vivere i migranti a bordo della nave non sono delle migliori. "Non possono stare nelle cabine, forse perché costerebbe troppo sanificarle. I migranti sono tutti insieme nelle sale o negli atrii della nave. E i cinquantadue migranti positivi al Covid sono in uno spazio isolato dagli altri, ma chi ci assicura che i positivi non vengano davvero a contatto con gli altri migranti? Ci sono controlli sufficienti a bordo?". Insomma sono tante le domande e le incertezze che accomunano i politici pugliesi e quelli siciliani e a cui non si danno risposte.

I migranti vengono accolti, ma come? "Quando non c'è a disposizione la nave quarantena gli immigrati vengono portati nel centro di accoglienza di Lampedusa dove ci sono solo quattro bagni (per centinaia di persone, ndr) e poi vengono fatti sedere per terra per il controllo della temperatura corporea" sottolinea, ancora, Rosario Costanza mentre a largo di Lampedusa, in balia delle onde e del maltempo, c'è un barcone con altri duecento migranti pronti a scendere.

"Verremo invasi" conclude, infine, al telefono, il segretario provinciale di Forza Italia nella piccola isola siciliana. "con le modifiche ai decreti sicurezza di Matteo Salvini qui assisteremo a una vera e propria invasione, lo sa? È questa ora la vera paura dei lampedusani".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Italia_libera

Italia_libera

Mer, 07/10/2020 - 12:20

Portateli in Africa o in Tunisia!

Giorgio5819

Mer, 07/10/2020 - 12:41

Saranno sparsi per tutta la penisola, come da programma di governo. Continua lo scempio dell'importazione di soggetti senza il minimo diritto di entrare in Italia, continua il programma di degrado sociale ordito dai comunisti al governo e avallato dal silenzioso assenso del pdr. Vergognosi.

machimo

Mer, 07/10/2020 - 13:36

300 tunisini? Di dove sono scappati? Dov’è la guerra in Tunisia? Ma perché sono stati portati sulla nave quarantena invece di rimpatriarli subito? L’italiani vanno in Tunisia a fare vacanze e loro scappano... grazie mattarella