Cronache

Benevento, nigeriana aggredisce agenti di polizia

La ragazza, 27 anni, è stata collocata presso una struttura di accoglienza cittadina in regime di arresti domiciliari

Benevento, nigeriana aggredisce agenti di polizia

A Benevento, nella serata di ieri, si sono vissuti attimi di autentico terrore: una donna 27enne di origine nigeriana ha violentemente aggredito il custode notturno della Caritas diocesana del luogo. Non contenta, all’arrivo della polizia, allertata dai presenti, la donna ha rivolto la propria violenza anche contro gli stessi agenti.

Per gli uomini della Squadra Volante della Questura di Benevento, coordinati dal Commissario Capo Andrea Monaco, riportare la situazione alla normalità non si è rivelata affatto una cosa semplice. Alcuni poliziotti, infatti, hanno subito morsi e graffi poiché, nel tentativo di identificare la 27enne, quest’ultima è andata incredibilmente in escandescenze.

La situazione non è migliorata quando la donna si trovava all’interno della Questura di Benevento per ulteriori accertamenti. Qui, nel corso delle verifiche, ha tentato di sferrare una testata a uno degli agenti presenti. Al termine degli accertamenti, la nigeriana è risultata irregolare sul territorio nazionale e priva di documenti. È stata quindi tratta in arresto per il reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Al termine delle formalità di rito, su disposizione del pubblico ministero di turno, la 27enne è stata collocata presso una struttura di accoglienza cittadina in regime di arresti domiciliari.

Una volta normalizzata la situazione, sono stati ricostruiti gli avvenimenti che hanno condotto all’esplosione di violenza. A quanto pare, l’arrestata si era recata presso il dormitorio della Caritas in evidente stato di ebbrezza. Al rifiuto da parte del custode di farla accedere all’interno della struttura, la reazione è stata violentissima e, purtroppo, dobbiamo segnalare che anche il custode stesso, si è recato presso gli uffici della Questura per sporgere denuncia a seguito dell’aggressione subita e le conseguenziali contusioni.

Commenti