Bestemmia per la multa e ne prende un'altra

La seconda sanzione è costata all'automobilista 102 euro

Bestemmia per la multa e ne prende un'altra

Una multa da 102 euro, a causa di una bestemmia. È la vicenda, riportata dal Piccolo, che vede come protagonista un automobilista a Trieste.

Secondo quanto riporta il quotidiano, l'uomo avrebbe lasciato la macchina di lavoro in una zona adibita al carico e scarico merci e, al suo ritorno avrebbe trovato sul cruscotto una sanzione per diviero di sosta. Ma quando ha visto la multa, l'automobilista si sarebbe arrabbiaro e avrebbe discusso con il vigile e sarebbro volate alcune bestemmie. Allora l'agente della municipale avrebbe staccato la seconda multa, da ben 102 euro.

Secondo la legge, la bestemmia può essere punita con una sanzione amministrativa, anche se fino al 1999 era considerata un reato penale. La sanzione applicabile va dai 51 ai 309 euro e viene estesa a "manifestazioni oltraggiosa verso i defunti", ma non agli insulti contro la Madonna.

La foto dell'uomo, che tiene in mano la sua multa sorridendo, è stata poi diffusa sui social, dove gli utenti hanno commentato, in modo ironico e polemico, la vicenda. "Ridicoli", scrive qualcuno, mentre una donna propone una petizione "per far identificare la bestemmia nelle nostre regioni come 'intercalare del linguaggio locale' e sdoganarla come consuetudine da non multarsi".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti