L'odio delle sardine a Bibbiano: "Via da qui i fascisti che usano i bimbi"

Migliaia in piazza a Bibbiano. Davanti al comune protagonista dell'inchiesta sugli affidi Salvini ha scelto di incontrare i cittadini per una delle tappe della campagna elettorale. A pochi metri dalla piazza della Lega è andata in scena la contromanifestazione delle Sardine, unite al grido di "Bibbiano non si Lega".

Bibbiano si divide in due. Dopo il braccio di ferro per accaparrarsi la piazza su cui affaccia il comune finito al centro dell’inchiesta sugli affidi illeciti, nel paese in provincia di Reggio Emilia è andato in scena il testa-testa tra Lega e Sardine.

Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni hanno incontrato i cittadini per una delle ultime tappe della campagna elettorale in vista del voto di domenica. Un evento annunciato dalla destra come un incontro con le famiglie. Spariscono i simboli di partito. Sul palco un solo slogan “giù le mani dai bambini”.

Il leader della Lega abbraccia virtualmente le famiglie colpite dagli scandagli sugli affidi e, dopo una breve introduzione, lascia la scena. I veri protagonisti del palco sono mamme e papà. Le loro storie da brivido incantano la platea che, sebbene non nasconda di essere lì per sostenere il Capitano, sulle storie dei bambini di Bibbiano non ha dubbi “la difesa dei minori non ha colore politico”. “Se il compito dei politici è stare al fianco dei cittadini come potrebbero non farlo di fronte ad uno scandalo di questa portata?” Si chiedono i sostenitori della Borgonzoni. A cui il silenzio del Partito Democratico sull’inchiesta ha regalato una certezza: “domenica voteremo a destra, il Pd ci ha delusi.”

A pochi metri dalla piazza del centrodestra, divisi soltanto dai cordoni della polizia di Stato, nella piazza che costeggia il teatro va in scena la contromanifestazione delle Sardine. Che, ancora una volta, mettono al centro degli slogan, lanciati dal foodtrack colorato, Matteo Salvini e si uniscono al grido di “Bibbiano non si lega”. I pesciolini capitanati da Mattia Santori fanno da megafono al ritornello della sinistra. “Non accettiamo che la politica si permetta di strumentalizzare fatti così gravi per accaparrarsi voti”. Tra i pesci di cartone colorati non mancano gli striscioni che puntano il dito contro il nemico. “Via i fascisti da Bibbiano”. “Questa è la terra dei fratelli cervi non dei fascisti”. Tra la folla si distribuisce la costituzione e dal palco la polemica celata risponde ancora una volta all’appello. “Ci hanno chiesto di parlare di Bibbiano. - esordisce uno degli esponenti. -Se proprio dobbiamo farlo, facciamolo. Bibbiano è questo: un paese di persone oneste, stanche di sentirsi usate da una politica becera che utilizza i fatti di cronaca per fare propaganda.”

“Siamo 5mila” esulta Santori. A colpo d’occhio non sembrerebbe. Ma a numeri le piazze se la giocano. Questa volta sì, la politica ha “mosso i corpi” come speravano gli studenti. Ma sia da una parte che dall’altra.

Commenti

Giorgio5819

Ven, 24/01/2020 - 08:50

Perché meravigliarsi ? negano le foibe, dai comunisti questo e altro...

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 24/01/2020 - 08:54

Io farei una class action per querelarli, per dare del fascista a tutti quelli che non la pensano come loro. La parola, fascista, se il fascismo è vietato dalla Costituzione è un insulto e per tale andrebbe richiesto, un risarcimento per essere stati offesi.La devono finire di menarla con questa parola.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 24/01/2020 - 08:57

I grandi eserciti portano come simbolo l'aquila, noi abbiamo quelli con il simbolo, le sardine. Che gran passo, proprio da vantarsene.

cgf

Ven, 24/01/2020 - 08:57

i veri fascisti, quelli che hanno ANCHE usato i bimbi, non sono certo quelli della Lega…

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Ven, 24/01/2020 - 09:00

Santori, torna all'asilo. Domenica vedrete se la Lega non si lega... Pagliaccio.

Gattagrigia

Ven, 24/01/2020 - 09:00

È vero non erano 5000, ma la proporzione è stata 1:10, cioè dieci sardine per ogni leghista, qualunque numero voi vorrete scrivere

momomomo

Ven, 24/01/2020 - 09:28

..."...Via da qui i fascisti che usano i bimbi..."... Com'era quella del bue che dava del cornuto all'asino ...!!!???

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 24/01/2020 - 09:32

Quando le terga vanno a fuoco, che c'è di meglio che appellarsi alla consueta "strumentalizzazione" della realtà da parte degli avversari politici?

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Ven, 24/01/2020 - 09:35

senti da che pulpito...propri oloro che mettono in mano a bambini i cartelli e le figure a mo' di sardina....autentici falsari

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 24/01/2020 - 09:37

Questi individui possono essere divisi in 2 categorie: 1) gli ideologizzati, che più ciechi delle talpe, possono essere assimilati a quelli che sul finire degli anni 30 del secolo scorso, in Russia, mentre erano condotti al patibolo, ancora tessevano le lodi del mostro Stalin; 2) quelli in malafede, per i quali che fingono di non vedere gli avvenimenti reali, e tutto deve essere utilizzato, da cialtroni quali sono, per i loro sporchi interessi di bottega.

tremendo2

Ven, 24/01/2020 - 09:37

e la Segre dov'è?

DRAGONI

Ven, 24/01/2020 - 09:40

E' LA BEN NOTA DISINFORMAZIONE DI STAMPO STALINISTA!!

Tenedotante

Ven, 24/01/2020 - 10:22

La cosa più sorprendente, che stanno cercando di ritorcere sulla Lega le colpe di quelle 'gesta'. Se i comunisti non ci fossero, bisognerebbe inventarli!

jaguar

Ven, 24/01/2020 - 10:27

In Emilia Romagna la sinistra è un cancro difficile da estirpare e ieri sera a Bibbiano ne abbiamo avuto la prova.

Giorgio Rubiu

Ven, 24/01/2020 - 10:36

Nossignori! Sono stati i vostri sponsor comunisti che hanno usato i bambini a fine di lucro. La lega sta solo puntando il dito accusatore contro l'obbrobrio ed il danno fatto ai bambini ed ai loro genitori con lo scopo di arraffare denaro per se stessi e per gli amici. Quello della Lega NON è Fascismo; ma il vostro è SICURAMENTE Comunismo della peggior specie!

Ritratto di LaleggendadelPiave

LaleggendadelPiave

Ven, 24/01/2020 - 10:39

Dal 68 odio per l'America la coca Cola il clero la democrazia Cristiana, dal 94 odio per Berlusconi Bossi, ora odio per Salvini, sempre e solo odio sempre lì stessi..

EliSerena

Ven, 24/01/2020 - 10:52

Mi sembra che l'odio e on solo a piene mani lo abbia usato il disperato felpino. Poi la piazza delle sardine era stracolma e sostenuta dagli abitanti di Bibbiano. Non vi dice nulla questo. La giustizia la f ala magistratura non il novello giustiziere pluri condannato e pluri sotto processo. Vergognoso

kitar01

Ven, 24/01/2020 - 10:54

Salvini dice l'emilia romagna è di tutti, le sardine dicono via i fascisti. La differenza di intelligenza e democrazia è tutta qui. Il loro stalinismo è la causa della loro sconfitta.

donzaucker

Ven, 24/01/2020 - 10:56

La manifestazione della Lega senza bandiere di partito è una balla, Salvini è la bandiera di partito e guardacaso ha introdotto la manifestazione, guardacaso organizzata a due giorni dal voto, guardacaso ben pubblicizzata sul suo twitter. Sui fatti di Bibbiano ci sono indagini e processi in corso, secondo voi "parlare di Bibbiano" serve a velocizzare le indagini? No, serve solo a raggranellare altri voti. Dopo il 26 bye bye Emilia, bye bye Bibbiano, il capitano troverà altri "Amici" da visitare in altre regioni e di Bibbiano non parlerà più. Salvini non strumentalizza i bambini, Salvini strumentalizza tutto quello che gli conviene strumentalizzare.

Ritratto di Clastidium

Clastidium

Ven, 24/01/2020 - 11:01

a leggere semplicemente il titolo non vedo nessuna incitazione all'odio: usare i bimbi a scopi politici è quanto di peggio esista e bene hanno fatto le sardine a condannare la cosa. se poi qua è pieno di fascisti che si sentono tirati in ballo, il problema è solo loro: la smettessero di essere fascisti. E, comunque, dire che il paesino si è diviso in due non è neanche corretto: 300 si e no erano ad ascoltare salvini (insieme all'apparato leghista convocato sul posto in perfetto stile sovietico); almeno 4-5 volte tanti erano con le "sardine", quindi il paese più che diviso era quasi tutto con chi ha smascherato l'uso ignobile dei bambini.

6077

Ven, 24/01/2020 - 11:07

tipico modus operandi sinistro: accusare il nemico delle proprie malefatte.

newman

Ven, 24/01/2020 - 11:43

@donzaucker E guarda caso ci sono le elezioni regionali e guarda caso la Lega vuole vincere e guarda caso i sardini e le sardine lo vogliono impedire e guarda caso i bambini di Bibbiano sono stati vittime della sinistra e guarda caso la destra vincerá in Emilia e guarda caso @donzaucker dovrá prendere una pastiglia per l'aciditá di stomaco e per prevenire la diarrea da rabbia, e guardacaso ...

fergo01

Ven, 24/01/2020 - 11:53

i comunisti negano sempre le realtà a loro scomode

buonaparte

Ven, 24/01/2020 - 12:02

DO UT DES-- DICI UNA COSA GIUSTISSIMA ANCHE A LIVELLO LEGALE.. è INCREDIBILE COME ANCORA NON SI SIANO MOSSI I GIUDICI PER QUESTE MANIFESTAZIONI DELLE SARDINE CHE INFRANGONO PIU LEGGI.

buonaparte

Ven, 24/01/2020 - 12:06

GATTA GRIGIA-- PER STESSA AMMISSIONE DELLO STESSO PESCE LESSO SONO ARRIVATI A BIBBIANO DA TUTTA LA REGIONE CON LE AUTO MENTRE QUELLI AL COMIZIO DI SALVINI ERANO QUASI TUTTI DI BIBBIANO..PICCOLA DIFFERENZA. SE POI VAI IN INTERNET TROVERAI LE FOTO DELLE MANIFESTAZIONI DELLE SARDINE E POTRAI VEDERE CHE SPESSO NELLE FOTO CI SONO LE STESSE PERSONE CHE SI MUOVONO PROBABILMENTE CON AUTO E TRENI PER LE VARIE CITTà E GENTE DI UNA CERTA ETà ALTRO CHE GIOVANI CHE POI LA STESSA SARDINA HA PIU DIO 30 ANNI.. HANNO INVENTATO IL TURISMO DEI COMIZI E FLASH MOB...AHAHAHAH..

Ritratto di nazionalista_sardo

nazionalista_sardo

Ven, 24/01/2020 - 12:19

sardine=criptofascisti nessuna idea di sinistra a livello socio economico sono solo dei burattini nelle mani dei capitalisti.____

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 24/01/2020 - 12:25

Clastidium, invece usare i bambinii come hanno fatto quelli di Bibbiano che sottraevano i piccoli a famiglie in difficoltà per affidarli, (chissà perché), ad amici o conoscenti, è meglio? A me sembra molto più ignobile.

Giorgio Rubiu

Ven, 24/01/2020 - 12:47

L'Emilia-Romagna totalmente comunista! Io sono vecchio abbastanza da avere vissuto gli ultimi dieci anni del ventennio Fascista. Allora, Emilia e Romagna erano le regioni più fasciste d'Italia. Nel dopoguerra l'Emilia diventò la regione più comunista, ma ricordo che in Romagna tornò in auge (a pari merito con il comunismo) il sentimento Repubblicano Mazziniano di una tradizione che, per i Romagnoli, aveva radici che datavano da prima dell'unificazione dell'Italia (1861). Il sentimento Repubblicano era, in Romagna, sacro e genuino come il Sangiovese, il Trebbiano, l'Albana, la Piadina, il suino noto come "Mora Romagnola", Giovanni Pascoli, Lorenzo Stecchetti (alias Olindo Guerrini) e, last but not least, il bandito Stefano Peloni noto, per dirla con Pascoli, come "...il passator cortese, re della strada e re della foresta". Una specie di Robin Hood nostrano amato dai Romagnoli e odiato delle autorità.

Giorgio Rubiu

Ven, 24/01/2020 - 13:02

Volevo aggiungere al mio commento precedente sulla Romagna che, per nostra gran fortuna, Sangiovese, Albana, Trebbiano, Piadina e Mora Romagnola sono ancora presenti ed immutati. Purtroppo non si può dire altrettanto del sentimento Repubblicano Mazziniano e, per sopraggiunto decesso, di Pascoli e Stecchetti che sopravvivono, però, con i loro scritti. Del "Passator Cortese" si va perdendo la memoria. Ma le Braciole di Castrato alla brace, grazie a Dio, sono ancora ben presenti nella tradizione locale e non sono mutate col mutare dei sentimenti politici. Fascisti, Comunisti o Repubblicani, quando si tratta di Pappardelle al Ragù, i Romagnoli (gran razza!) sono rimasti tali e quali!

donzaucker

Ven, 24/01/2020 - 16:39

@newman e guardacaso io sono veneto e non mi frega nulla di chi vince in Emilia. E se proprio lo vuole sapere a me Zaia piace pure perche non è un esibizionista senza contenuti come Salvini.