Brindisi, la vicina è in carcere, lui si allaccia al suo contatore elettrico

Arrestato dai carabinieri un uomo di 31 anni che aveva approfittato della detenzione della vicina di casa. Un caso simile ad Ostuni

La sua vicina era stata arrestata, così lui aveva deciso di allacciarsi abusivamente al suo contatore elettrico. Per questo un uomo di 31 anni di Carovigno (un Comune in provincia di Brindisi) è stato arrestato dai carabinieri della stazione locale con l'accusa di furto aggravato di energia elettrica.

Nel corso di un controllo presso la sua abitazione, i militari dell'Arma, in collaborazione con un tecnico dell'enel, hanno constatato che l'uomo aveva eseguito un collegamento abusivo, per un consumo indebito non quantificabile, al contatore della sua vicina, una 49enne del posto, al momento assente poiché detenuta presso la casa circondariale di Lecce. Dopo le formalità di rito, su disposizione dell'autorità giudiziaria, il 31enne è stato rimesso in libertà.

Un altro caso simile è accaduto ad Ostuni, sempre in provincia di Brindisi. Due uomini, di 26 e 46 anni, sono stati arrestati per spaccio di sostanza stupefacente e furto aggravato di energia elettrica. I due vivevano insieme e nella loro abitazione, nei pressi dello stadio comunale, avevano realizzato un allaccio abusivo con bypass al contatore. Anche in questo caso il danno economico è in fase di quantificazione. Nell'abitazione al momento dell'arrivo della polizia c'erano altre cinque persone, tra cui due minorenni, e la droga era nascosta in una scatola di caramelle.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.