Calano a 23mila i nuovi casi, superati i 50mila morti totali

Nel bollettino del 23 novembre sono 630 i decessi. In risalita a 15,4% il tasso di positività. Attuali positivi in calo per la prima volta

Sono 22.930 i nuovi contagi di coronavirus in Italia il 23 novembre, a fronte di 148.945 tamponi processati. Ieri sono stati 28.337 i nuovi casi di coronavirus individuati sulla base di 188.747 tamponi. Salgono a 630 i morti, contro i 562 di domenica 22 novembre. In rialzo anche il rapporto postivi/tamponi. Passa da 15,01% a 15,4%. Superati i 50 mila morti totali dall'inizio della pandemia. In Lombardia 5.289 nuovi casi, in Veneto 2.540 e in Emilia Romagna 2.347. Per questo oggi si registra per la prima volta un decremento del numero delle persone attualmente positive: -9.098, scendendo a 796.849.

LOMBARDIA

Sono 5.289 i nuovi positivi al coronavirus in Lombardia, secondo i dati comunicati dal ministero della Salute. A preoccupare il dato sempre alto dei decessi in regione: sono 140 nelle ultime 24 ore.

PIEMONTE

Cala lievemente, nei dati comunicati oggi, la pressione sugli ospedali del Piemonte per i malati di Covid: in terapia intensiva l'incremento è stato di un solo paziente - ora in totale sono 399 - mentre negli altri reparti c'è stato calo di 20 ricoverati, con il numero complessivo sceso a 5.112. L'Unità di crisi regionale ha registrato 81 decessi, di cui 10 si sono verificati oggi, e un incremento di 1730 casi positivi (al 35% asintomatici), dopo l'esito di 13.529 tamponi. Gli attualmente positivi in Piemonte sono 76.923. Le persone in isolamento domiciliare sono 71.412, i nuovi casi guarigione 1738.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Oggi in Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 377 nuovi contagi (il 12,93 per cento dei 2.916 tamponi eseguiti) e 27 decessi da Covid-19. Delle nuove positività odierne 70 afferiscono a test pregressi eseguiti in laboratori privati dal 9 all'11 novembre. Lo ha comunicato il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Le persone risultate positive al virus in regione dall'inizio della pandemia ammontano in tutto a 25.035, di cui: 6.334 a Trieste, 10.614 a Udine, 4.735 a Pordenone e 3.035 a Gorizia, alle quali si aggiungono 317 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione sono 13.457. Scendono a 55 i pazienti in cura in terapia intensiva mentre salgono a 565 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 673,

VENETO

Sono 2.540 i nuovi positivi al coronavirus in Veneto per un totale di 125.222 dall'inizio dell'emergenza ad oggi. Probabilmente la giornata con più uscite dall'isolamento domiciliare (meno 1.131 nel conteggio complessivo). Sale il numero dei ricoveri a 2.395, +67 rispetto a ieri, delle terapie intensive a 306, più 9, e dei decessi (+37) per un totale di 3.258 dal 21 febbraio ad oggi.

VALLE D'AOSTA

Nelle ultime 24 ore in Val d'Aosta ci sono stati 77 nuovi casi positivi e 5 decessi per il Covid. Lo rende noto il Bollettino della regione. Attualmente sono 146 le persone ricoverate in ospedale e 13 in terapia intensiva. 1690 le persone in isolamento domiciliare.

LIGURIA

Sono altre 20 le persone decedute, positive al Covid in Liguria. Lo riporta il nuovo report diffuso dalla Regione. Si tratta di persone tra i 65 e i 94 anni, decedute tra il 22 e il 22 novembre. Le vittime da inizio emergenza sono dunque salite a 2.261. Scende il numero dei ricoveri: ad oggi negli ospedali liguri ci sono 1.370 pazienti Covid positivi, 5 in meno di ieri. Di questi 122 sono in terapia intensiva. I nuovi casi di positività al coronavirus sono 285. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 2.831 tamponi, 567.597 da inizio emergenza.

EMILIA ROMAGNA

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 108.073 casi di positività, 2.347 in più rispetto a ieri, su un totale di 11.558 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi del 20,3%, stabile rispetto a ieri. Sono 34 i nuovi decessi registrati. Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano. Prosegue l'attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.160 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 327 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone e 557 sono stati individuati all'interno di focolai già noti. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 46,1 anni.

LAZIO

Diminuiscono i nuovi positivi nel Lazio. "Oggi, su oltre 20mila tamponi, si registrano 2.341 casi", rende noto l'assessore alla Sanità regionale, Alessio D'Amato. Ieri i nuovi positivi erano stati 2.533 su quasi 25mila tamponi eseguiti. Aumentano, invece, i morti: oggi sono 48 a fronte dei 20 di ieri. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 357.

TOSCANA

Sono 1.323 i positivi in più rispetto a ieri (796 identificati in corso di tracciamento e 527 da attività di screening) su un totale complessivo, da inizio epidemia, di 96.028 unità. I nuovi casi sono l'1,4% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 1.323 casi odierni è di 48 anni circa (il 12% ha meno di 20 anni, il 22% tra 20 e 39 anni, il 36% tra 40 e 59 anni, il 22% tra 60 e 79 anni, il 10% ha 80 anni o più).I guariti crescono del 4% e raggiungono quota 41.345 (43,1% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.468.342, 10.551 in più rispetto a ieri, di cui il 12,5% positivo. Sono invece 4.531 i soggetti testati oggi (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 29,2% è risultato positivo. A questi si aggiungono i 1.182 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 52.419, -0,6% rispetto a ieri. I ricoverati sono 2.128 (45 in più rispetto a ieri), di cui 296 in terapia intensiva (2 in meno). Oggi si registrano 48 nuovi decessi: 29 uomini e 19 donne con un'età media di 81,5 anni.

ABRUZZO

Sono complessivamente 24.288 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 640 nuovi casi, fra i quali un bimbo di 10 mesi. I morti sono 18, dato che porta a 804 quello complessivo dei decessi: avevano tra 54 e 93 anni, e risiedevano 8 in provincia dell'Aquila, 2 in provincia di Pescara, 1 in provincia di Chieti e 7 in provincia di Teramo). Cinque casi sono riferiti a decessi avvenuti nelle scorse settimane e comunicati solo oggi dalle Asl. Lo comunica l'assessorato regionale alla Sanità.

CAMPANIA

Sono 2.158, di cui 227 sintomatici, i nuovi positivi al Covid rilevati ieri in Campania, su 15.739 tamponi. L'incidenza dei casi sui test è al 13,71%, contro il 13,22% del giorno prima. Boom dei guariti nelle ultime 24 ore, ben 2.091. Stabile il numero dei ricoveri in terapia intensiva, 201 su 656 posti disponibili. Le degenze ordinarie Covid invece aumentano di oltre un centinaio rispetto a ieri, e risultano 2.331 su 3.160 posti disponibili tra sanità pubblica e privata. L'unità di crisi segnala anche 39 decessi (avvenuti tra il 14 e il 22 novembre ma registrati solo ieri) che portano il totale delle vittime della pandemia in Campania a 1.309.

SICILA

Sono 1.249 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 7.712 tamponi effettuati; 41 i decessi, che portano il totale a 1.227. Con i nuovi casi salgono a 37.913 gli attuali positivi con un incremento di 751. Di questi 1.847 sono i ricoverati, 7 in più rispetto a ieri: 1.604 in regime ordinario e 243 in terapia intensiva con due in più rispetto a ieri.

PUGLIA

Sono 980 i nuovi casi di Covid-19 registrati in Puglia nelle ultime 24 ore, a fronte di 3.869 tamponi processati. In totale sono 44.487 i contagi in regione da inizio pandemia con 723.172 test. Lo si evince dal bollettino diffuso dalla Regione Puglia. Nelle ultime 24 ore sono stati poi segnalati 40 decessi: 20 in provincia di Bari, 18 in provincia di Foggia, 1 in provincia di Lecce, 1 in provincia di Taranto. Le vittime del coronavirus in Puglia dall'inizio della pandemia sono in tutto 1.220, mentre i guariti totali sono 11.288. I nuovi positivi sono così divisi per provincia: 440 a Bari, 66 a Brindisi, 187 nella provincia di Bat, 168 a Foggia, 16 a Lecce, 139 a Taranto e 3 attribuiti a residente fuori regione, mentre sono 3 i casi di provincia di residenza non nota.

BASILICATA

"La task force regionale comunica che nei giorni 21 e 22 novembre, sono stati processati 1.923 tamponi per la ricerca di contagio da Covid-19, di cui 281 (e fra questi 262 residenti in Basilicata) sono risultati positivi". Lo comunica la Regione Basilicata. "Nelle stesse giornate sono guarite 60 persone, di cui 57 residenti in Basilicata e sono decedute 4 persone (1 di Melfi, 1 di Venosa, 1 di Potenza, 1 di Satriano).Con questo aggiornamento i lucani attualmente positivi sono 5.196 (4.995 all'ultimo aggiornamento, a cui si aggiungono 262 positività di residenti e si sottraggono 57 guarigioni di residenti e 4 decessi) e di questi 5.016 si trovano in isolamento domiciliare".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Lun, 23/11/2020 - 18:00

Ieri era domenica, temo per domani

carpa1

Lun, 23/11/2020 - 18:33

Ma ci vuole tanto a capire che, per rendere i numeri credibili e così il relativo andamento di contagi decessi e posti letto, non servono i numeri assoluti (addirittura precisi all'unità quando sono in gioco le decine o addirittura le centinaia di migliaia) ma le percentuali con i relativi riferimenti alla densità di popolazione (diversa per regione)? Oltre naturalmente ad una rappresentazione che mostri la media mobile di almeno una settimana, aggiornando sì di giorno in giorno, MA CHE NON MOSTRI QUINDI UN DENTE DI SEGA (come quelle che si fanno certi esperti di statistica di queste task force che non capiscono una mazza)? Ma a chi pensate possa interessare se ci sono stati 22.930 nuovi contagi (e non magari 22.932) a fronte di 148.945 tamponi (e non magari 148.947) processati? Tutt'al più l'informazione potrebbe essere 23.000 contagi a fronte di 149.000 tamponi processati (che già sarebbe difficile da memorizzare!).