Il cardinal Sarah su Ratzinger: "Le sue parole ci rassicurano"

Il cardinal Robert Sarah elogia Ratzinger per gli "appunti" sulla crisi degli abusi e lo definisce un martire della verità

Il cardinal Sarah su Ratzinger: "Le sue parole ci rassicurano"

Le riflessioni di Joseph Ratzinger continuano a suscitare reazioni. Il cardinal Robert Sarah, a distanza di qualche settimana dalla pubblicazione, ha esaminato il testo che il papa emerito ha scritto sul "collasso morale" della Chiesa cattolica. Quello sui motivi storico-dottrinali che sono alla base degli abusi commessi negli ambienti ecclesiastici ai danni dei minori e degli adulti vulnerabili.

Nel corso del periodo successivo all'emersione di quello scritto, non sono mancate critiche. Qualcuno, come non di rado accade quando a dire la sua è ancora Benedetto XVI, ha pensato che quella dell'ex pontefice fosse una mossa fuori luogo. Sono stati soprattutto i progressisti a scegliere argomentazioni di questo tipo. Non è di questa opinione il prefetto della Congregazione per il Culto e la Disciplina dei sacramenti, che ha chiarito sin da subito come gli "appunti" del teologo tedesco costituiscano, dal suo punto di vista, una "vera fonte di luce nella notte della fede che tocca tutta la Chiesa". Una traduzione completa dell'opinione di Sarah relativa a quelle pagine ratingeriane è approfondibile su questo blog, che è curato da Sabino Paciolla. Un'espressione nitida quella sulla "notte", che Robert Sarah ha utilizzato senza mezzi termini e che va interpretata, però, in funzione della sua diagnosi sulla crisi della civiltà occidentale. L'ultimo libro scritto dall'arcivescovo guineiano, il terzo con il giornalista Nicolas Diat, analizza in modo certosino lo stato di salute dell'Occidente cristiano- cattolico.

Il cardinale africano ha pure citato papa Francesco, dimostrando come i due pontificat,i e i pontefici che si sono succeduti, agiscano in assoluta continuità sul piano della tolleranza zero nei confronti della pedofilia. Certo, c'è un accento sulle "parole" dell'ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede, che ci "confortano" e "rassicurano", ma non vi è alcuna volontà di contrappore le due figure ecclesiastiche. Ratzinger, nella disamina di Sarah, viene elevato a "martire" della verità.

Commenti