Chiede l'elemosina col figlio neonato, in manette

A Pompei, nel Napoletano, finisce nei guai una 18enne rumena sorpresa a mendicare nei pressi del Santuario e ha tentato di aggredire i carabinieri

Chiede l’elemosina al Santuario di Pompei con il figlio neonato in braccio. Finisce nei guai una 18enne dell’Est che ha tentato anche di opporre resistenza ai controlli dei carabinieri.

I fatti sono accaduti nella giornata di ieri nei pressi dell’importante e frequentatissimo santuario mariano nella città campana. La giovane è stata sorpresa dai carabinieri mentre, in maniera molesta chiedeva l’obolo ai tantissimi fedeli che, nell’ultima domenica di Maggio si trovavano in piazza Bartolo Longo, davanti al Santuario, per le celebrazioni religiose. Una pattuglia a piedi di militari, impegnata nei controlli e nel monitoraggio del territorio, ha fermato la ragazza straniera chiedendole i documenti.

Ma quella richiesta deve esserle sembrata almeno fuori luogo perché la 18enne, di origini rumene, s’è arrabbiata e ha tentato di sottrarsi agli accertamenti, spintonando e colpendo a gomitate i carabinieri che stavano facendo il loro lavoro. La reazione scomposta della ragazza non ha sortito nessun altro effetto che quello di aggravare la sua posizione. Identificata, è stata arrestata per resistenza a pubblico ufficiale e impiego di minori per l’accattonaggio. Per lei è scattata la misura cautelare dei domiciliari nella vicina Torre Annunziata, dove risulta residente. Il piccolo, invece, è stato affidato a un parente della 18enne.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

sparviero51

Lun, 28/05/2018 - 16:30

NON VI DICO CHE PAURA HA AVUTO LA ZINGARELLA BECCATA IN FLAGRANTE !!!

Pietro43

Lun, 28/05/2018 - 17:01

La quale parente continuerà l'accattonaggio con il pupo avuto in affido. Togliere la patria potestà e darlo in adozione no?

giancristi

Lun, 28/05/2018 - 17:13

Finalmente qualcuna in galera!

lisanna

Lun, 28/05/2018 - 18:04

ma quale galera, a quest'ora e' gia' fuori grazie a qc giudice

Ritratto di etaducsum

Anonimo (non verificato)

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 28/05/2018 - 20:20

ma figuriamoci se l'arrestano. Chiedere l'elemosina è stta depenalizzata, basta essere fermi e non choederla con insistenza. Allora tutti gli africani che stazionano davanti ai supermercati?

stefano751

Mar, 29/05/2018 - 09:02

Sapete che risate si sta facendo questa rom? Non rispetterà gli arresti domiciliari, e il bambino affidato proprio ai parenti i quali proprio loro costringono queste persone all'accattonaggio servendosi dei neonati per commuovere la gente? La cosa giusta è mandarli al loro paese, lì non ammettono l'accattonaggio e sono costretti a lavorare per vivere.

stefano751

Mar, 29/05/2018 - 09:09

Quello che la gente non sa è che queste persone sono vittime di un'organizzazione criminale interna alla loro comunità che li costringe a vivere così e stabilisce i posti dove devono andare per l'accattonaggio, i furti, il controllo del territorio. Spesso sono picchiati dai capi se non portano a casa una certa somma. Solo mettendo in galera questi sfruttatori finirà il fenomeno dell'accattonaggio.

stefano751

Mar, 29/05/2018 - 09:13

Arresti domiciliari??? E quale domicilio se sono nomadi e vivono in baracche che costruiscono qua e là su tutto il territorio nazionale? E chi può controllare se sono nel campo? Visto che anche i vigili hanno paura di andare in quei posti perchè rischiano la pelle?

stefano751

Mar, 29/05/2018 - 09:16

La zingarella in manette e gli sfruttatori a piede libero a gestire l'accattonaggio che rende bene.

stefano751

Mar, 29/05/2018 - 09:20

Ma ragioniamo: vi pare che una ragazzina con un neonato in braccio è contenta di vivere da accattona? Andiamo a fondo e mettiamo in galera quelli che le costringono a vivere così per riempirsi le tasche.

stefano751

Mar, 29/05/2018 - 09:27

Spesso queste povere adolescenti sono costrette a subire violenze e partorire bambini da utilizzare per l'accattonaggio. E questi bambini appena crescono già vengono addestrati per fare i borseggiatori. E' una catena che va spezzata per il bene di tutti.

stefano751

Mar, 29/05/2018 - 09:33

Una volta si mettevano fuori dalle chiese a chiedere l'elemosina, adesso entrano in chiesa anche durante la funzione a chiedere l'elemosina ai fedeli, minacciando il prete se non li lascia fare. E come se non bastasse vanno pure dal prete a pretendere una lauta mancia. Purtroppo i fedeli inconsapevolmente dando l'elemosina incrementano questo fenomeno di sfruttamento.