Cronache

Lampedusa ora è fuori controllo In pochi giorni sbarcati in 1500

Considerando anche i migranti in difficoltà attorno all'isola, sono 1.434 le persone indirizzate dai trafficanti di esseri umani verso Lampedusa negli ultimi giorni: numeri record che rischiano di creare allarme nella più grande delle Pelagie

Lampedusa ora è fuori controllo In pochi giorni sbarcati in 1500

Si continua a partire dalle coste nordafricane e Lampedusa è sempre più in emergenza. Questo mese di novembre per gli abitanti dell'isola sta riservando la brutta sorpresa di assistere a flussi migratori paragonabili a quelli visti in estate.

Gli allarmi di Alarm Phone

Nelle ultime ore sarebbero almeno cinque i barconi prossimi ad avvicinarsi alla più grande delle Pelagie. A segnalarlo sul proprio canale Twitter è il network Alarm Phone, il quale ha raccolto le allerte lanciate direttamente dai mezzi in avaria. In un barcone sono presenti 80 migranti, poco più distante stanno viaggiando assieme verso Lampedusa altre due piccole imbarcazioni con 87 e 65 persone a bordo.

Un'altra barca sarebbe entrata da poco in acque di competenza italiane, dopo essere rimasta a lungo in quelle maltesi, con 67 persone segnalate da Alarm Phone alla deriva in quanto avrebbero perso l'orientamento. Infine, poco più distante, è stato individuato un gommone con 65 migranti. In totale sono 364 le persone che a breve potrebbero raggiungere le coste italiane.

E a Lampedusa si temono nuove crisi innescate dai prossimi sbarchi. È probabile infatti che tutti i migranti in questione verranno fatti approdare sull'isola.

Più di mille i migranti sbarcati nelle ultime ore

Se tutte e cinque le imbarcazioni arriveranno a Lampedusa, allora il totale degli sbarchi da domenica ad oggi sarà di 27. Ieri sono stati contati infatti 15 barconi sbarcati, di cui 3 in modo autonomo e 12 trainati dalle motovedette di Guardia Costiera e Guardia di Finanza. Gli ultimi 3 sono arrivati lunedì mattina, gli altri 12 invece nel cuore della notte tra domenica e lunedì.

Complessivamente sono stati 870 i migranti sbarcati: 670 nella notte e 200 con i mezzi arrivati con la luce del mattino. A questi vanno aggiunti poi i barconi entrati nel porto di Lampedusa nella giornata di domenica. Grazie alle condizioni favorevoli del mare, sono infatti stati 7 i mezzi che hanno portato sull'isola complessivamente 400 persone. La somma quindi degli sbarchi delle ultime 48 ore ha portato a un totale di 1.070 migranti arrivati in territorio italiano.

Se i 364 presenti nei cinque barconi in prossimità di Lampedusa dovessero sbarcare a breve, il numero complessivo di migranti che hanno messo piede sulle Pelagie salirà quindi a 1.434. Una cifra importante per il mese di novembre, dove tradizionalmente i flussi migratori iniziano a scemare.

Emergenza nell'hotspot

Il locale centro di accoglienza di contrada Imbriacola può ospitare un massimo di un centinaio di migranti, ben si comprende quindi la situazione molto grave attualmente in corso nella struttura. La pressione migratoria sta mettendo nuovamente in difficoltà sia l'hotspot che Lampedusa in generale, con gli abitanti preoccupati anche dai risvolti sanitari legati al coronavirus.

Ieri 129 migranti sono stati fatti salire a bordo della nave Suprema, una di quelle usate per la quarantena di chi sbarca. Altri potrebbero seguirli nelle prossime ore, il problema però è che il continuo flusso di migranti sta generando una corsa contro il tempo difficile da gestire per trovare posti disponibili all'accoglienza.

Commenti