Colf in nero, telecamere per incastrare i datori di lavoro

Attenzione però all'aspetto della privacy: la Cassazione ha stabilito i parametri sull'inferenza nella vita privata

Badanti o colf in nero potranno dotarsi tranquillamente di un registratore o di una telecamera spia in casa del proprio datore di lavoro. A stabilirlo è stata una recente sentenza rivoluzionaria della Cassazione: i giudici supremi hanno regolarizzato l'utilizzo anche di tali dispositivi al fine di provare il proprio rapporto di lavoro e utilizzare il prodotto registrato come testimonianza per un'eventuale processo per chiedere arretrati, buonuscita, ferie, ma anche per puntare a pretendere una assunzione regolare. Anche se non autorizzati potranno munirsi degli apparecchi necessari per precostruirsi le prove.

Parallelamente però bisogna tener conto di due aspetti principali per evitare di incorrere nel reato punito dall'articolo 615 bis del codice penale, ovvero la violazione della privacy: nell'obiettivo della telecamere non deve essere ripresa in alcun modo la vita privata degli abitanti all’interno della casa in questione; i video devono essere girati mentre la badante è fisicamente presente sul luogo del lavoro. La Corte suprema ha stabilità che non vi è alcuna inferenza nella vita privata nelle immagini in cui si vedono mobili, arredi vari, argenterie e interni degli armadi che riprendono la biancheria intima.

I datori di lavoro sono tutelati?

Ma se da una parte si tutelano i collaboratori domestici aiutandoli a denunciare il lavoro nero, dall'altra appare evidente come la posizione dei padroni di casa potrebbe essere trascurata. Quest'ultimi non hanno la possibilità di piazzare registratori o altri dispositivi simili se in quel momento ci si allontana: la loro assenza genera nei terzi la convinzione di non essere visti o sentiti, concedendo loro quel margine di privacy che non si può violare.

L'edizione odierna di Libero riporta come - alla base di una stima calcolata da diverse fonti - a oggi 6 lavoratori tra le mura domestiche su 10 sono da considerarsi irregolari, privi di contributi e assicurazione sugli infortuni. A fronte degli 864.526 lavoratori regolari nel settore domestico registrati nel 2017, gli occupati effettivi sono circa 2 milioni (di cui 1,1 irregolari). I controlli effettuati in tale settore sono stati 1.148, meno del 10% delle 122.240 verifiche portate a termine dall'Ispettorato nel 2017 (il dato comprende anche quelle effettuate nelle aziende). Gli accertamenti sui datori sono circa 300 all'anno: si tratta di un numero limitato considerando che in caso di lite tra lavoratore e famiglia spesso si ricorre alla conciliazione monocratica: in questo caso si provvede a quantificare una somma da versare al badante mediante un accordo tra le parti prima dell'avvio dell'accertamento degli importi dovuti.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 17/11/2019 - 12:29

non è proprio una cosa buona: si finirà per non assumerli piu, per evitare il rischio di finire ricattati, oppure di essere costretti a spendere una fortuna (e tanto vale andare all'ospizio!).... no non credo che la magistratura abbia compreso bene le contraddizioni di questo rapporto di lavoro...evidentemente i magistrati hanno parecchi soldi da permettersi badanti anche in nero (figuratevi, se sono loro stessi a ricattare le colf e badanti )....

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Dom, 17/11/2019 - 12:36

Le colf lavorano in nero perché GLI CONVIENE. Ci provassero a mettere registratori e telecamere tradendo gli accordi presi...

Calmapiatta

Dom, 17/11/2019 - 13:06

Le colf a nero sono la salvezza di molte famiglie che non hanno possibilità economiche. Le tasse strangolano il paese e impoveriscono le classi più deboli, ma farlo capire a chi governa è come spiegare a un mulo la teoria della relatività...

Ritratto di pensionato.stufo

pensionato.stufo

Dom, 17/11/2019 - 13:19

Solo il presidente della Camera si puo' permettere la colf in nero ?

Ritratto di Lp700

Lp700

Dom, 17/11/2019 - 13:53

Questa e solo una riconferma alla sentenza n. 5241/17 della corte di cassazione datata 2017 dove si legge -le registrazioni audio video sono semplicemente l'estensione del nostro corpo perchè il nostri sensi hanno già percepito i fatti-.La cosa cambia se usiamo tali prove dove noi non siamo presenti nei filmati perchè a punto entra in gioco la privacy

titina

Dom, 17/11/2019 - 13:53

Se le colf denunciano nessuno le vorrà più, quindi perdono il lavoro. ma a loro non conviene anche perchè, lavorando in nero, prendono il reddito di cittadinanza.

Cheyenne

Dom, 17/11/2019 - 13:59

PAESE SOVIETICO, TRA POCO METTERANNO TELECAMERE NEL CESSO E NELLA CAMERA DA LETTO. FASCIO-COMUNISTI DI M...A

agosvac

Dom, 17/11/2019 - 14:14

Mi sembra una fesseria mai vista: mettiamo che una famiglia abbia una colf in nero. Mettiamo che sia denunciata. Dovrà pagare multe e dovrà dare qualche soldo alla colf, ma , di sicuro non se la terrà. Dico: un minimo di intelligenza!!!!!

agosvac

Dom, 17/11/2019 - 14:18

E cosa succede quando sono le colf che non vogliono essere messe in regola perché prendono il reddito di cittadinanza????? Anche qui, un minimo di intelligenza!!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 17/11/2019 - 14:56

Se lo dovesse fare il padrone, di mettere una telecamera lo massacrerebbero con un bel risarcimento verso la colf. Ma si sa che le toghe sono contro la proprietà privata e cercano tutti i modi possibili di spogliarli dei suoi averi e proprietà.

Ritratto di Lp700

Lp700

Dom, 17/11/2019 - 15:46

Cheyenne@ se tu venissi accusato di un reato magari di stupro e la tua unica salvezza davanti un PM fosse un filmato credo che non ragioneresti più come fai ora, e ciò che accaddè a un ragazzo mesi fà la quale la cretina di turno lo denunciò quando i filmati interni del locale davano altra verità.Se non fosse stato per le videocamere avrebbe rischiato 11 anni di carcere da innocente perchè per la nostra legge chi querela e di per se avvantaggiato in tribunale e non vige la mia parola contro la tua.Inoltre la sentenza della corte che ho citato prima dice anche - e l'unico modo per apprendere fatti che rimarrebbero nascoti-

Ernestinho

Dom, 17/11/2019 - 15:49

Prevedo meno colf!

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Dom, 17/11/2019 - 15:53

Molti italiani, soprattutto i meno abbienti di una certa età, vorrebbero avere una colf. Ma se costa in regola 12 euro all'ora come fanno con pensioni sotto i 1000 euro?

bernardo47

Dom, 17/11/2019 - 15:59

allora avvisate Fico presidente grillino Camera....