Concordia, trovati resti. Forse sono delle due vittime ancora disperse

I corpi di due persone, un passeggero e un membro dell'equipaggio, non sono mai stati restituiti. Il test del Dna dirà se sono stati recuperati oggi

Saranno i test del Dna a determinare se i resti trovati dai subacquei vicino al relitto della Costa Concordia siano riconducibili alle due persone che ancora mancano all'appello, tra le 32 vittime del naufragio della nave da crociera.

I corpi che ancora non sono stati ritrovati sono quelli di Russel Rebello e Maria Grazia Trecarichi. Il primo era un cameriere indiano dell'equipaggio, morto mentre cercava di aiutare le persone a bordo nelle operazioni di salvataggio. La seconda una donna di origini siciliane, che ha perso la vita dopo avere ceduto alla figlia 17enne il posto sulla scialuppa di salvataggio.

I sommozzatori della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza hanno trovato i resti vicino alla zona centrale dello scafo. I reperti sono stati affidati ai carabinieri del Ris,

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Lu mazzica

Ven, 27/09/2013 - 10:48

Schettino, un massacro per un inchino !! Vergogna, alla gogna !!! Rgds., Lu mazzica