Contro aggressioni a medici, Fvg recluta gli alpini volontari

Ad ogni turno della guardia medica saranno presenti due alpini che faranno da "custodi" al personale con l'obiettivo di aumentare la sicurezza

Per proteggere i medici dai sempre più frequenti episodi di violenza, il Friuli Venezia Giulia recluta gli alpini. In particolare, ad ogni turno della guardia medica saranno presenti due alpini aderenti all'Ana (Associazione nazionale alpini che opera su base volontaria) che faranno da "custodi" al personale con l'obiettivo di aumentare la sicurezza all'interno dell'ambulatorio.

"Da noi i numeri delle violenze sono piccoli - ha dichiarato al Messaggero Veneto Fulvio Kette, risk manager del'Azienda per l'assistenza sanitaria 5 -, ma perché c'è un grande sommerso. Gli operatori non segnalano perché vivono in un clima di sfiducia. Questo vale non solo per la guardia medica: dipartimento di salute mentale, geriatria, sale d'attesa, pronto soccorso sono tutti servizi dove il rischio di aggressioni è alto. Questo genera un malessere psicofisico nel personale per cui non potevamo non intervenire".

Gli alpini, formati sulle modalità con cui relazionarsi con i pazienti e intervenire in caso di tensione, accompagneranno i medici anche nelle visite a domicilio. "Non possiamo risolvere il problema delle aggressioni al personale sanitario, ma possiamo intanto tamponare un'emergenza", ha spiegato Ilario Merlin, presidente della sezione di Pordenone dell'Associaziona nazionale alpini.

Il progetto sperimentale attivato a Pordenone e a San Vito ha l'ambizione, come dichiarato dall'assessore alla salute Riccardo Riccardi, di diventare "un modello nazionale".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maricap

Lun, 02/07/2018 - 15:12

Distribuire i Taser, ma anche una pistoletta non ci starebbe mica male.

Fearlessjohn

Lun, 02/07/2018 - 15:15

Bravi alpini ! Noi sappiamo che possiamo sempre contare su questi nostri fratelli e commilitoni.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Lun, 02/07/2018 - 16:54

Ma non ci si rende conto che la gestione dell'ordine pubblico in Italia è diventata una farsa, una barzelletta?

mariod6

Lun, 02/07/2018 - 17:28

Evviva le risorse della Boldrini, di Grasso, di Boeri, della Kyenge ed ora anche di Fico. Facciamone arrivare ancora e togliamo anche le armi alla Polizia ed ai Carabinieri. Non si sa mai che possano fare un graffio ad uno di questi parassiti.