Contro il morbillo basterà un cerotto

Il dispositivo americano potrebbe sostituire le punture con il vaccino. Tra due anni al via la sperimentazione sugli uomini

Contro il morbillo basterà un cerotto

Arriva dagli Stati Uniti un dispositivo che potrebbe rappresentare una piccola rivoluzione nel campo dei vaccini. Si tratta di un cerotto, né più né meno. Largo circa un centimetro quadrato, si applica sul braccio e agisce grazie a un centinaio di piccoli aghi fatti di polimero, zucchero e vaccino anti-morbillo.

Basta la pressione di un pollice per applicarlo ai bambini. In pochi minuti i microaghi rilasciano il vaccino, per poi dissolversi. A questo punto si può tranquillamente buttare il cerotto. Rapido, quasi indolore. E non richiede personale particolarmente qualificato perché il vaccino venga fatto a dovere.

"Senza bisogno di aghi, siringhe, acqua sterile o smaltimento degli aghi, questo cerotto è un nuovo strumento che consente di raggiungere più velocemente i bambini", ha spiegato Jams Goodson, epidemiologo al Cdc (Centers for Disease Control and Prevention). Una possibilità da non sottovalutare, se si considera che ogni giorno sono 400 i bambini uccisi dalle complicazioni del morbillo.

I test, per ora solo sugli animali, sono stati un successo. Tra due anni dovrebbe invece avere il via la sperimentazione sugli uomini. Se dovesse funzionare, il cerotto potrebbe essere sfruttato non solo contro il morbillo, ma pure contro poliomelite, influenza, rosolia e tubercolosi.

Commenti